Al G20 Putin chiede il riconoscimento di Sputnik

·1 minuto per la lettura

AGI - Il presidente russo, Vladimir Putin, ha chiesto ai Paesi del G20 di accelerare il reciproco riconoscimento dei reciproci vaccini contro il coronavirus. L'esortazione è arrivata al vertice G20 in videoconferenza. La Russia ha messo a punto tre vaccini contro il coronavirus, tra cui lo Sputnik V, il primo vaccino al mondo approvato per l'uso di emergenza.

"Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che, nonostante le decisioni del G20, l'accesso ai vaccini e ad altre risorse vitali non è ancora consentito a tutti i Paesi che ne hanno bisogno. Questo è causato dalla concorrenza sleale, il protezionismo e il rifiuto da parte di alcuni Paesi, tra cui i membri del G20, di riconoscere reciprocamente i vaccini e i certificati vaccinali". 

Putin ha esortato dunque l'Oms ad accelerare i processi di ratifica dei nuovi vaccini: prima velocemente avvenga, piu' facile sara' ripristinare il funzionamento dell'economia globale, compreso il settore del turismo particolarmente colpito. Sputnik V è stato approvato per l'uso da 70 Paesi ed è riconosciuto come prova di vaccinazione da oltre 100 nazioni, ma non dall'Unione Europea o dagli Stati Uniti. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli