##Al Senato una decina i fuoriusciti Pd.Marcucci resta capogruppo

Lsa

Roma, 17 set. (askanews) - Dovrebbero essere 10-12 i senatori attualmente del Pd che seguiranno Matteo Renzi e lasceranno il gruppo guidato da Andrea Marcucci. Della nuova situazione si discuterà domani all'assemblea del gruppo dem di palazzo Madama convocata per le 12. Non sembrano profilarsi novità per la guida del gruppo perchè Marcucci, che non seguirà Renzi, dovrebbe poter contare sull'appoggio di 22-23 senatori su un totale di 38-40 del gruppo dem ridimensionato con la fuoriuscita dei renziani e di Matteo Richetti. Al momento il gruppo conta 51 senatori perchè nessuno ha ufficializzato l'abbandono.

Sono date per certe, comunque, le uscite oltre che di Renzi, anche di Francesco Bonifazi, Teresa Bellanova, Davide Faraone, Ernesto Magorno, Tommaso Cerno, Eugenio Comincini e Laura Garavini. Ma il numero aumenterà per raggiungere, appunto, 10-12 senatori. Certa l'uscita dal Pd di Richetti, annunciata nei giorni scorsi dalui stesso perchè contrario alla decisione di formare il nuovo governo con il M5S.

Di certo la decisione di Renzi di costituire gruppi parlamentari staccati dal Pd crea un problema inedito al Senato e di non facile soluzione. Il nuovo Regolamento prevede infatti due criteri per la costituzione di un gruppo: non meno di 10 senatori e la presentazione del simbolo alle elezioni che abbia prodotto eletti. Il primo criterio sarà probabilmente soddisfatto, ma il secondo ertamente non lo è. Una strada potrebbe essere quella di appoggiarsi al simbolo di 'Insieme' e il senatore Riccardo Nencini, secondo voci di corridoio, lo avrebbe offerto a Renzi. Ma Nencini non ha la piena disponibilità del simbolo e gli altri titolari, l'ex ministro prodiano Giulio Santagata e il verde Angelo Bonelli, hanno dichiarato di non avere intenzione di far usare il simbolo da Renzi.

L'altra strada potrebbe essere quella di chiedere una deroga all'applicazione del regolamento, ma poichè si tratterebbe di un caso inedito, si pone l'interrogativo di chi dovrebbe eventualmente concederla, se il presidente del Senato, oppure il Consiglio dei Presidenza o la Giunta per il regolamento. Se non riusciranno a costituire un gruppo autonomo, i renziani finiranno automaticamente nel gruppo misto oggi formato da 16 senatori: 4 di Leu, 5 ex M5s, Emma Bonino per +Europa, Riccardo nencini di Insieme, 2 senatori del Maie e i senatori a vita Mario Monti e Liliana Segre. "Al momento - ha riferito la capogruppo Loredana De Petris (LeU) - non ci sono richieste da parte di altri senatori di entrare".