Al Trieste Film Festival premio OBCT a "The euphoria of being"

Orm/red

Roma, 22 gen. (askanews) - "The euphoria of being" della regista Réka Szabó si è aggiudicato il premio "OBC Transeuropa" al Film Festival di Trieste, il più importante appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro-orientale, quest'anno alla trentunesima edizione. Il documentario premiato vede protagonista una donna ungherese sopravvissuta all'Olocausto ed è stato scelto "perché riesce a farci apprezzare, in quest'epoca di disillusione e assenza di prospettive, la forza dell'esistere ed il presente come opportunità di riscatto attraverso la bellezza, la tenerezza", si legge nella motivazione.

Ieri sera, 21 gennaio, al Teatro Politeama Rossetti si è tenuta la cerimonia di premiazione del Trieste Film Festival - Alpe Adria Cinema durante la quale la direttrice di Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa (unità operativa del Centro Cooperazione Internazionale di Trento) Luisa Chiodi, ha assegnato il Premio OBCT 2020 che è andato a "The euphoria of being" (A létezés eufóriája) - della regista Réka Szabó, un'opera che vede protagonista una donna ungherese sopravvissuta all'Olocausto.(Segue)