Al Trieste Film Festival premio OBCT a "The euphoria of being" -3-

Orm/red

Roma, 22 gen. (askanews) -

La protagonista, Éva Fahidi, aveva 20 anni quando tornò in Ungheria dal campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. E' l'unica sopravvissuta di 49 membri della sua famiglia, incluse sua madre, suo padre e la sorellina. Settanta anni dopo quel ritorno, Éva viene invitata a realizzare una performance di danza basata sulla sua vita. L'ideatrice è la ballerina e coreaografa Réka Szabó che qui, nel ruolo di regista, realizza il suo primo documentario presentato in prima mondiale alla Settimana della Critica di Locarno 2019 e subito vincitore del premio Human Rights nel concorso documentari del Film Festival internazionale di Sarajevo tenutosi ad agosto 2019.(Segue)