Al vaglio anche la possibilità di una chiusura totale ma meno pesante

·2 minuto per la lettura
covid-lockdown-morbido-italia-cos-e
covid-lockdown-morbido-italia-cos-e

Cos’è il “Lockdown morbido”, la nuova ipotesi vagliata per fronteggiare il pericolo valanga dei contagi da Covid-19. Governo ed esperti stanno studiando da giorni questa possibile soluzione. Una chiusura totale ma meno pesante di quella che abbiamo vissuto negli intensi mesi di marzo/aprile. Vediamo nel dettaglio in cosa consisterebbe la nuova modalità di contenimento dei casi positivi al coronavirus.

Covid, Lockdown morbido: che cos’è?

Dopo la scelta presa dalla vicina Francia di chiudere nuovamente tutto e tornare in un lockdown restrittivo, l’Italia pensa a una nuova ipotesi definita lockdown morbido. La curva dei contagi preoccupa sempre di più e ha preso una linea che non tende ad attenuarsi. Dopo la firma del nuovo dpcm, il Premier Giuseppe Conte vorrebbe attendere almeno due settimane per vedere i risvolti delle nuove restrizioni.

Gli esperti indicano, tuttavia, un’altra strada. Monitorando costantemnte la curva dei contagi da covid-19, sono in tanti a ipotizzare una nuova chiusura totale. La differenza con il lockdown precedente si dovrebbe vedere nella modalità e nelle tempistiche. Il lockdown cosidetto “morbido” potrebbe interessare un tempo più ristretto e portarci, nel migliore dei modi, alle festività natalizie.

Priorità del governo è salvare il Natale

Nel caso in cui le nuove regole dettate dal nuovo dpcm del 25 ottobre non dovessero produrre alcune effetto benefico nel lungo tempo, si potrebbe ricorrere ai ripari per cercare di salvare il Natale. Per il governo Conte, infatti, è di fondamentale importanza arrivare a dicembre con una situazione epidemiologica diversa da quella odierna.

Con l’ipotesi del lockdown soft – che potrebbe venire approvato con il prossimo dpcm – si escluderebbe una chiusura prolungata per due mesi, come successo a inizio pandemia. La durata potrebbe essere ridotta (da qui l’aggettivo morbido) e, secondo gli esperti, si potrebbero lasciare aperte alcune attività commerciali e settori produttivi principali.

L’opzione “soft” verrebbe vagliata anche in favore delle scuole che, a parere di molti, potrebbero rimanere aperte e portare tutti gli studenti fino alle vacanze natalizie. Secondo il virologo Galli un lockdown sarà inevitabile: “faremo come la Francia, bisogna solo capire quando“.