Al via campagna Fiorucci su salame Corallina per Pasqua

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 mar. (askanews) - Ha preso il via la campagna di comunicazione 2021 che Fiorucci dedica alla Corallina Romana, protagonista indiscussa della Pasqua. Fiorucci è il brand di riferimento per quanto riguarda la corallina, tra i prodotti più rappresentativi legati alle tradizioni del territorio, in cui nel 2020 ha venduto circa 220 tonnellate e generato un fatturato netto di circa 2 milioni di Euro.

La campagna Corallina 2021 è stata strutturata con un focus sul canale e-commerce, centrale nella "new normality", così da rispondere alla necessità degli italiani di "ricreare il fuori casa in casa" in occasione della Pasqua, senza dover rinunciare alla tradizionale colazione pasquale con la Corallina (salame tipico laziale realizzato con carni nobili aromatizzate con pepe e aglio).

Dal 22 marzo fino al 4 aprile sarà disponibile un'attività banner on page in tema corallina sull'e-commerce di Gros, uno dei principali e-retailers dell'area romana, che permetterà sia di accedere ad un'offerta dedicata al prodotto, sia di scoprire l'intera gamma coinvolta nell'attività. La campagna prosegue sull' e-commerce di Everly con un banner on page da oggi 29 marzo fino all'11 aprile dove è inserita la call to action "Scopri gli altri prodotti della famiglia Fiorucci".

È prevista inoltre una componente in-store, con l'obiettivo di riportare il tipico clima della colazione pasquale romana nei piccoli punti vendita: dal 25 marzo fino all'11 aprile saranno disponibili gadget ideati ad hoc sul tema Pasqua&Corallina.

L'attenzione ai prodotti made in Italy e la crescita esponenziale del canale e-commerce sono trend accelerati e ormai consolidati dalla pandemia: nel 2020 in Italia il fatturato del mercato dei salumi a peso imposto nel canale e-commerce ha infatti superato i 47 milioni di euro (+135% sul 2019, fonte IRI) e il peso dell'e-commerce sul totale fatturato salumi è raddoppiato in un anno, passando dallo 0,7% all'1,4% (fonte: IRI).