Al via il 15 gennaio il progetto su corretta alimentazione bambini

Red/Apa

Roma, 13 gen. (askanews) - L'educazione alimentare nell'infanzia è uno strumento strategico che favorisce buone abitudini fin da bambini, incoraggiando uno stile di vita sano anche da grandi. Per arrivare ai bambini, il progetto nazionale Sano, giusto e con gusto! (www.sanogiustocongusto.it) ha deciso di rivolgersi in prima battuta a tutti gli adulti che contribuiscono a determinare lo stile alimentare dei più piccoli. Un invito rivolto a genitori, nonni, familiari, insegnanti ed educatori che, grazie alle attività di divulgazione dei dietisti nutrizionisti volontari, coinvolge i bambini nella messa in pratica di un'alimentazione corretta, equilibrata, sostenibile e locale.

Ideato dalla dottoressa Annamaria Acquaviva e realizzato in collaborazione con IOR, Istituto Oncologico Romagnolo, ANDID, Associazione Nazionale Dietisti, e ASAND, Associazione Scientifica dell'Alimentazione, Nutrizione e Dietetica dei Dietisti italiani, è un progetto educativo che intende raggiungere i bambini tra i 3 e gli 11 anni, dalla scuola dell'infanzia alla scuola primaria.

Anche la Federazione nazionale Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, che riunisce oltre 200.000 esercenti di diciannove professioni sanitarie, ha deciso di promuovere il progetto Sano, giusto e con gusto! ritenendo l'iniziativa di importante valore a testimonianza del contributo sociale che l'Ente ordinistico può rendere ai territori e ai cittadini.

"L'Istituto Oncologico Romagnolo è da sempre impegnato in interventi di prevenzione, oltre che di cura, a partire dagli studi epidemiologici svolti dal professor Dino Amadori, a cui tanto dobbiamo nella lotta contro il cancro - spiega la promotrice Annamaria Acquaviva -Dal primo progetto scientifico BATMAN, che ho condotto grazie allo IOR, con il patrocinio di ANDID, nasce Sano giusto e con gusto!, un progetto che mette in circolo tanta energia positiva: è emozionante la risposta di più di 100 colleghi, dietisti nutrizionisti che in tutta Italia metteranno a disposizione la propria professionalità al servizio della salute dei bambini".(Segue)