Al via il censimento dei record in Cina, impiegate sette milioni di persone

Brahim Maarad
·4 minuto per la lettura

AGI - Non può che essere un festival dei record, il censimento della popolazione del Paese con più abitanti al mondo. E la Cina, anche questa volta, mostrerà i propri muscoli. Il primo dei numeri da record è quello delle persone che saranno impiegate, anche a titolo volontario, nel censimento generale: circa sette milioni. Quanto l'intera popolazione della Bulgaria. Raccoglieranno i dati per due mesi, bussando alle porte negli appartamenti dei grattacieli residenziali nel centro di Shanghai e scovando cittadini tra i remoti villaggi di montagna tibetani.

La Cina conduce il censimento ogni dieci anni per determinare la crescita della popolazione, i modelli di mobilità e altre tendenze, utilizzando poi i dati per ripartire le risorse per istruzione, salute, trasporti, lavoro, assistenza agli anziani e altri servizi. Il censimento precedente, nel 2010, contava 1.339.724.852 persone, con un aumento in dieci anni del 5,83%, o 73.899.804 persone, poco più della popolazione francese.

La sfida della natalità 

Gran parte dell'attenzione sul censimento di quest'anno - che dovrebbe richiedere due anni per essere interamente compilato - si concentrerà sull'eventualità di un aumento della popolazione dovuto all'allentamento della ex "politica del figlio unico".    

Il tetto, allora molto rigido, fu introdotto alla fine degli anni '70 per rallentare la rapida crescita della popolazione tra le preoccupazioni per troppe bocche da sfamare, ma venne allentata quattro anni fa per portarlo a due figli, a causa dei timori per l'invecchiamento della società cinese e la contrazione della forza lavoro.

Il cambiamento, tuttavia, non si è ancora tradotto in un baby boom. Il tasso di natalità nazionale lo scorso anno è stato il più basso dalla fondazione della Cina comunista nel 1949, con molti cinesi che oggi scelgono famiglie più piccole a causa dell'aumento del costo della vita.     

Il governo stima che il censimento del 2020 possa aggiornare la popolazione a 1,42 miliardi, con un aumento del 5,99%. La scorsa settimana un istituto di ricerca affiliato al colosso immobiliare Evergrande Group ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che la cifra del governo è sovrastimata e ha raccomandato di portare il tetto a tre figli. "Senza aggiustamenti, saranno seriamente influenzati il ringiovanimento nazionale e l'ascesa (della Cina) come grande potenza", hanno scritto i ricercatori, citando due degli obiettivi dichiarati dal presidente Xi Jinping.

Lo studio ha scatenato un'accesa discussione online, con molti che affermano che i veri limiti alla natalità siano l'aumento dei costi e un sostegno politico insufficiente per le famiglie. "Anche una politica sui dieci figli è inutile finché non creiamo una società che sia a misura di maternità e a misura di bambino", è uno dei commenti più apprezzati su WeChat.     

Gli esperti demografici hanno stimato che potrebbero volerci 15 anni prima che la politica dei due figli abbia un effetto evidente poiché altri fattori moderni mitigano la rapida crescita, comprese le donne cinesi sempre più responsabilizzate che ritardano o evitano la maternità e la crescita più lenta della popolazione dovuta all'aumento della ricchezza nazionale.   

Il ruolo dell'app e i timori per la privacy

Nonostante il porta a porta, la maggior parte dei cittadini dovrebbe inserire le proprie informazioni tramite un'app per smartphone, aumentando le crescenti preoccupazioni sulla protezione della privacy. Grandi mole di attività economiche e pagamenti cinesi vengono gestite tramite app digitali come WeChat e la sua rivale Alipay.

Molti consumatori accettano la conseguente cessione di dati sulle loro abitudini di acquisto, viaggi e altre informazioni personali come piccolo prezzo da pagare per i servizi digitali. Ma altri si preoccupano sempre di più della privacy e della sicurezza dei dati, rafforzati ulteriormente quest'anno con l'introduzione in Cina di un sistema nazionale di "codici sanitari" digitali che valutano i cittadini su eventuali minacce di coronavirus. I dati sanitari spesso devono essere mostrati per entrare in molti luoghi pubblici.     

L'Ufficio nazionale di statistica, che sovrintende al censimento, ha promesso a maggio che tutti i dati personali raccolti durante il processo saranno mantenuti strettamente riservati e utilizzati per nessun altro scopo che il censimento. A metà ottobre il governo ha anche presentato separatamente un progetto di legge sulla protezione dei dati personali, che delinea pene severe per i trasgressori.