Telefonata Putin-Biden, gli Usa avvertono: "Risponderemmo con forza a un'invasione dell'Ucraina"

·2 minuto per la lettura

AGI - E' durato 50 minuti il colloquio telefonico fra i presidenti americano e russo, Joe Biden e Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca. La telefonata è iniziata alle 20.35 GMT (ore 21.35 italiane), ha riferito un funzionario della Casa Bianca da Wilmington, Delaware, dove Biden si trova per passare il Capodanno. Lo scopo della conversazione era quello di "raggiungere un compromesso" sull'Ucraina e più in generale sulle garanzie alla sicurezza della Russia.

Putin è "soddisfatto" della telefonata , ma ha avvertito che nuove sanzioni degli Usa rischierebbero di portare a una "rottura completa", insistendo che la Russia ha bisogno di risultati concreti dai prossimi colloqui sulla sicurezza. Lo ha riferito il consigliere per la politica estera di Putin, Yury Ushakov, affermando che il Cremlino è complessivamente "soddisfatto" del colloquio, ma aggiungendo che Putin ha avvertito che Mosca ha bisogno di un risultato positivo e che i colloqui sulla sicurezza non possono durare indefinitamente. "Abbiamo bisogno di un risultato e spingeremo per un risultato sotto forma di garanzie per la sicurezza della Russia", ha detto Ushakov ai giornalisti in una teleconferenza.

Durante la telefonata, secondo Ushakov, Biden ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero introdurre importanti sanzioni contro la Russia se le tensioni sull'Ucraina continuassero ad aumentare. Al che Putin ha messo in guardia Biden dall'introdurre nuove sanzioni, dicendo che potrebbero portare a una "rottura completa" dei legami tra Russia e Occidente.

"Questo sarebbe un errore colossale che potrebbe portare a gravi - le pù gravi - conseguenze. Speriamo che ciò non accada", ha detto Ushakov. Alla domanda se la Russia sarebbe pronta ad accettare un compromesso, Ushakov ha detto: "Che cos'è un compromesso? Naturalmente, i negoziati significano che terremo conto delle preoccupazioni americane". Ma ha aggiunto che non era un compromesso che la Russia stava cercando, ma garanzie di sicurezza. "Premeremo per questo", ha aggiunto.

Da parte loro, gli Usa hanno fatto sapere che risponderanno "in maniera decisa" a qualsiasi invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Biden ha anche avvertito Putin che qualsiasi progresso diplomatico deve passare da una de-escalation in Ucraina.

 

Si tratta del secondo confronto fra i due leader dall'inizio del mese. Il primo, in video conferenza, si è tenuto il 7 dicembre. Nel frattempo Mosca ha pubblicato una lista di richieste a Nato e Usa per ottenere quelle che reputa le necessarie garanzie alla sua sicurezza, a cominciare dalla limitazione del ruolo dell'Alleanza Atlantica in Ucraina e in tutto lo spazio ex sovietico. 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli