Al via a Napoli XI Congresso Nazionale Legambiente -2-

Cro-Mpd

Roma, 15 nov. (askanews) - Tra gli altri ospiti che interverranno anche il presidente di Libera Don Luigi Ciotti, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, la presidente del Kyoto Club Catia Bastioli, il direttore di Ispra Alessandro Bratti, la professoressa dell'Università di Siena Cristina Fossi, luminare mondiale dell'impatto del marine litter sui mammiferi marini, Marco Omizzolo, premiato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la sua coraggiosa opera in difesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato; e poi diversi rappresentanti del mondo dell'associazionismo e del terzo settore come Claudia Fiaschi, Portavoce del Forum del Terzo Settore, Vincenzo Piccolo presidente di Agesci, Donatella Bianchi, presidente del WWF, Pippo Onufrio, direttore di Greenpeace, la 24 enne Federica Gasbarro, soprannominata la Greta italiana, scelta dall'Onu come unica rappresentante dell'Italia per lo Youth Summit di New York organizzato lo scorso settembre, Valentina Fiore, amministratore delegato del Consorzio libera Terra Mediterraneo, solo per citarne alcuni.

"Lo slogan del nostro del percorso congressuale - spiega Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - è il tempo del coraggio. La società in cui viviamo è nel pieno di una fase di transizione caratterizzata da tante contraddizioni. Alla crisi ambientale, causata dai cambiamenti climatici e dal sovrasfruttamento delle risorse naturali, che fa scendere in piazza milioni di giovani in tutto il mondo per chiedere scelte radicali nel modo di produrre e consumare, si sommano quella sociale, segnata da disuguaglianze insostenibili, e quella culturale, che vede messi a rischio diritti fondamentali e la stessa democrazia. Ognuno di noi, per il ruolo che ha e in primis la politica, è chiamato a fare scelte chiare e coraggiose. Ora più che mai, davanti alle sfide epocali che ci attendono nei prossimi anni sarà importante spingere ancor di più sull'acceleratore e quello che ci aspettiamo dall'Italia è un cambio di passo contrassegnato da scelte coraggiosi e lungimiranti. Legambiente non farà ovviamente mancare il suo contributo appassionato, concreto e radicale, per la rinascita ambientale e sociale della Penisola".

(Segue)