Al via oggi in Vaticano i lavori del gruppo contro la tratta

Cro

Città del Vaticano, 8 feb. (askanews) - Oggi, festività di Santa Giuseppina Bakhita nonché Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta, cominciano i lavori della Santa Marta Group's (SMG) 2018 International Conference (8-9 February).

Il Papa riceverà il gruppo, pronunciando un discorso sul tema, domani, venerdì, a mezzogiorno. "Con spirito di misericordia, accogliamo le vittime della tratta e coloro che fuggono dalla guerra e dalla fame", ha scritto oggi su Twitter.

Il tema di quest'anno della Giornata contro la tratta è è "Migrazione senza tratta. Sì alla libertà!". "Avendo poche possibilità di canali regolari", ha detto ieri il Papa all'udienza generale, "molti migranti decidono di avventurarsi per altre vie, dove spesso li attendono abusi di ogni genere, sfruttamento e riduzione in schiavitù", ha detto il Papa a fine dell'udienza in aula Paolo VI. "Le organizzazioni criminali, dedite alla tratta di persone, usano queste rotte migratorie per nascondere le proprie vittime tra i migranti e i profughi. Invito pertanto tutti, cittadini e istituzioni, a unire le forze per prevenire la tratta e garantire protezione e assistenza alle vittime. Preghiamo affinché il Signore converta il cuore dei trafficanti... che brutta parola, questa, trafficanti di persone! e dia la speranza di riacquistare la libertà a quanti soffrono per questa piaga vergognosa".

Il card. Vincent Nichols, Arcivescovo di Westminster, Presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles e Presidente del "Gruppo Santa Marta", terrà una conferenza stampa domani alle 13 per illustrare i lavori. Oltre al cardinale inglese saranno presenti altri due cardinali, Charles Bo, arcivescovo di Yangon (Myanmar) e John Olorunfemi Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja (Nigeria), e parteciperanno inoltre all'incontro con la stampa la commissaria Cressida Dick della London Metropolitan Police Service, Nestor Roncaglia, General Commissioner della Policía Federal Argentina e Jean Baderschneider, membro della Global Fund to End Modern Slavery.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità