Al via Orma, progetto ricerca contro disturbi alimentari e da stress

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 giu. (askanews) - Si chiama "Emergenza sanitaria Covid-19. Modello di prevenzione sperimentale multidisciplinare integrato nei disturbi alimentari e disturbi da stress post-traumatici con orticoltura, interventi assistiti con gli animali e mindfulness", sintetizzato nell'acronimo "Orma". E' il progetto di ricerca, coordinato dall'Istituto superiore di sanità (Iss), finanziato dal ministero della Salute e nato grazie alla collaborazione degli psichiatri dell'Università Cattolica nel campus di Roma e del Policlinico Gemelli IRCCS.

Lo ha riferito in una nota la stessa Cattolica, spiegando che questo modello è stato realizzato grazie alle attività condotte in collaborazione con Coldiretti e le Associazioni Nitrì, Nutrimenti e Amore per la vita attraverso la pet therapy.

"Orma è risultato particolarmente efficace nella prevenzione dei disturbi della nutrizione e dell'alimentazione che hanno subito un notevole incremento proprio a seguito della pandemia e dei lockdown (secondo l'ISS di più del 40%), in particolar modo in adolescenti e giovani ma anche negli adulti" ha spiegato il professor Lucio Rinaldi, docente di Psichiatria al Dipartimento di Neuroscienze dell'Università Cattolica, responsabile del Day Hospital di Psichiatria-Area adolescenza, psicopatologia perinatale e disturbi del comportamento alimentare dell'Unità Operativa Complessa di Psichiatria della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, e direttore del comitato tecnico-scientifico del progetto di ricerca.

"Il recupero del contatto con la terra attraverso l'orticoltura attiva infatti livelli primitivi di esperienze percettive oltre che funzioni da accompagnamento alla crescita" ha proseguito Rinaldi, aggiungendo che "gli interventi assistiti con gli animali sostengono la funzione dell'affidarsi e della riduzione dei livelli di controllo (tipica nei pazienti con Dna): entrambe queste funzioni, attraverso la mindfulness, promuovono forme nuove di esperienze primarie della costruzione identitaria messa in crisi dalle situazioni di violenta angoscia (come la pandemia), crisi che spesso sostiene lo sviluppo dei disturbi alimentari. In tal senso si tratta di tornare alla terra, al cibo e alla natura, non più nella disfunzione ma in forme maggiormente adattative".

"Questo progetto - ha aggiunto Marco Silano, ricercatore presso il Dipartimento di Sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria dell'ISS - è finalizzato alla creazione di un modello di intervento per la prevenzione trattamento dei disturbi alimentari da stress, utilizzabile non solo nel post Covid, ma esportabile in tutte le situazioni di crisi con stress della popolazione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli