Alaska, salvati 5 italiani: cercavano il bus magico di "Into the wild"

USA, Alaska: il bus del film "Into the Wild"

Rischiare la vita per realizzare un sogno: salire a bordo del 142, il vecchio autobus "magico" abbandonato in cui nel 1992 si lasciò morire Christopher McCandless, il protagonista del romanzo di Jon Krakauer e del film Into the Wild di Sean Penn.

E’ successo a un gruppo di ragazzi italiani in viaggio in Alaska. Nelle “terre selvagge”, come recita il celebre film del 2007. Davvero una brutta disavventura, che avrebbe potuto sfociare in tragedia: i cinque giovani turisti sono stati costretti a richiedere soccorso dopo essere rimasti bloccati tra i ghiacci. Uno di loro aveva addirittura un principio di congelamento ai piedi. I poliziotti in motoslitta li hanno trovati, recuperati e portati al sicuro, come ha riferito l'Associated Press.

LEGGI ANCHE: Il figlio di Donald Trump "vince" il permesso di cacciare un orso grizzly in Alaska

Il salvataggio degli Alaska State Troopers è avvenuto qualche giorno fa, all’alba, poco distante dall'accampamento che i cinque italiani avevano allestito a pochi chilometri dal bus. Il gruppo ha lanciato l'allarme con un telefono satellitare dopo essersi reso conto che si era allontanato di una ventina di chilometri dal sentiero Stampede che collega la città più vicina al sito, divenuto ormai un'attrazione turistica. Sembra che i ragazzi avessero trascorso la notte in tenda con temperature che erano scese fino a 10 gradi sotto lo zero. L'italiano semi-assiderato è stato portato a Fairbanks per le cure, ma le sue condizioni non sono gravi, gli altri sono stati trasferiti da amici a Healy.

Non è la prima volta che il “pellegrinaggio” al bus magico, situato vicino all'ingresso del Parco Nazionale e della Riserva di Denali, crea problemi. A luglio due sposini bielorussi erano annegati dopo esser stati trascinati via dal fiume nel tentativo di raggiungere l'automezzo. Per questo le autorità locali non escludono di trasferire l'autobus in una zona più accessibile. McCandless aveva vissuto sul mezzo durante un viaggio post-laurea in Alaska, nutrendosi di selvaggina e bacche, prima di essere lentamente ucciso da un frutto selvatico velenoso.

GUARDA ANCHE - Disperso in Alaska, ritrovato dopo 23 giorni