Albergo crolla a New Orleans, il bilancio è di un morto e 18 feriti

albergo-new-orleans

Attimi di panico a New Orleans, dove un albergo della catena Hard Rock Hotel è parzialmente crollato su se stesso nelle prime ore di sabato 12 ottobre. L’edificio era in costruzione al momento del crollo e stando a quanto riportato dai media statunitensi nella tragedia sarebbe morta una persona e ne sarebbero rimaste ferite altre 18 mentre altre tre persone sarebbero attualmente disperse. Le forze di Polizia hanno inoltre provveduto a chiudere al traffico le vie nei pressi dell’albergo nell’eventualità di ulteriori crolli.

Albergo crolla a New Orleans

A seguito del crollo diversi feriti sono stati immediatamente trasportati presso lo University Medical Center in condizioni critiche, come confermato anche da Royce Duplessis, deputato dello Stato della Louisiana presente sulla scena. Duplessis ha inoltre affermato che diversi isolati intorno a Canal Street – la via dove è avvenuto il crollo – sono stati chiusi al traffico. Il deputato ha in seguito affermato che: “C’è stato un evidente cedimento strutturale. Gli ingegneri edili stanno attualmente valutando le probabili cause che hanno portato al crollo”.

Duplessis ha successivamente pubblicato un breve post su Twitter in merito alla tragedia: Tutti coloro che sono stati colpiti dal tragico crollo del palazzo di questa mattina sono nelle nostre preghiere. Attualmente sappiamo che il bilancio è di un morto e diversi feriti Grazie a tutti i soccorritori e al team di costruzione per essere intervenuti sulla scena. E alla stampa locale per gli aggiornamenti sul campo”.

Le parole del capo dei pompieri

Secondo il sovrintendente dei Vigili del Fuoco di New Orleans Tim McConnell a crollare sono stati gli ultimi tre piani dell’edificio, fatto che ha comportato un’instabilità generale dell’intera struttura. McConnell ha poi dichiarato come il timore più grande al momento riguardi una delle gru attaccate all’edificio, che secondo molti potrebbe crollare anch’essa da un momento all’altro: “La nostra più grande paura in questo momento è la gru, dato che pesa diverse tonnellate”.