Alberto Genovese, la replica di Alba Parietti

·2 minuto per la lettura
Caso Genovese Alba Parietti
Caso Genovese Alba Parietti

Alba Parietti ha dichiarato che procederà con una diffida a cui seguirà una querela per diffamazione contro il sito Tutto.TV, secondo cui la showgirl conoscerebbe molto bene la fidanzata di Alberto Genovese, al punto da chiamarla “nipotina“. La madre di Sarah Borruso sarebbe infatti un’amica della Parietti, la quale ha però ribadito: “Mi accostano a una persona che ho incontrato una volta in vita mia”.

Genovese, Parietti chiamava la fidanzata “Genovese”

Da un’esclusiva di apparsa su Tutto.TV il 18 novembre, Alba Parietti conoscerebbe molto bene la fidanzata di Genovese, Sarah Borruso, a tal punto da averla definita “la mia adorata nipotina” in un post pubblicato su Instagram lo scorso gennaio.

La showgirl ha successivamente commentato la vicenda con queste parole: “Non posso passare il mio tempo a giustificare un incontro occasionale, casuale e unico, di circa un anno fa, durato il tempo di un pranzo sulla neve in compagnia di una ventina di persone, in un unico giorno. Ripeto, non ho mai frequentato Alberto Genovese, per me era il compagno di una ragazza, figlia di una mia amica, con la quale da tempo ho chiuso ogni rapporto, per incompatibilità caratteriali”.

Dai social sarebbe infine apparsa un’altra foto dove Alba Parietti appare insieme a Sarah Borruso nello studio dell’Isola dei Famosi: “Grazie ad alcune delle mie amiche storiche e le loro figlie (che considero le mie vere nipotine)”.

Rettifica del 19 novembre

Nella serata del 18 novembre, tramite i propri canali social Alba Parietti ha annunciato che “querelerò per diffamazone e gravi affermazioni che ledono la mia dignità. Non solo per l’ennesima volta mi accostano a una persona che ho incontrato una volta in vita mia, ma si permettono di mettere in discussione le mie affermazioni, come se io avessi qualche motivo per mentire. Oggi stesso dato mandato ai miei legali per procedere con una diffida a cui seguirà una querela per diffamazione. Mi sono stufata di dover giustificare assurdità. Queste testate sono i gestire da persone che insinuano cose di una gravità estrema su questioni gravissime”.