Coronavirus, Anna Wintour: “Mio figlio medico è positivo”

coronavirus anna wintour figlio

Anna Wintour, direttrice di Vogue, sta vivendo ore molto delicate. Il figlio Charles Shaffer è positivo al Coronavirus. L’uomo è un medico e ha contratto il Covid19 combattendo in prima linea per salvare la vita dei pazienti.

Coronavirus, Anna Wintour: il figlio

L’emergenza Coronavirus ha ormai investito il mondo intero. Tutti stiamo facendo i conti con una guerra che registra ogni giorno centinaia di morti. Ansia, tristezza, solitudine, paura: sono questi i sentimenti che accompagnano, almeno per il momento, il 2020. In questo lungo mese di quarantena abbiamo imparato a classificare le mascherine protettive e a lavarci correttamente le mani, ma la cosa più importante che siamo riusciti a capire è l’importanza della libertà. Essere liberi di baciare, abbracciare, uscire e perfino di lavorare: fino a ieri era tutto scontato, oggi non lo è più. Proprio parlando di tutti questi aspetti che ci mancano, Anna Wintour ha confessato che suo figlio Charles Shaffer ha contratto il Coronavirus. La direttrice di Vogue ha spiegato che il pargolo è un medico del New York Presbyterian-Weill Cornell Medical Center, uno degli ospedali più importanti di Manhattan. È proprio in corsia che il 35enne è stato contagiato dal Covid19. Attualmente Charles è in isolamento domiciliare e le sue condizioni non sembrano preoccupanti.

Il messaggio di Anna

La direttrice di Vogue ha rivelato che Charles le ha detto che, appena sarà guarito, tornerà subito in terapia intensiva per aiutare i suoi colleghi. La Wintour ha inoltre ringraziato gli operatori sanitari, i soccorritori, gli infermieri e i medici, gli “unici veri eroi di questo drammatico momento storico”. Poco prima di scoprire la positività del figlio al Covid19, Anna ha dichiarato: “Penso ai quei piccoli piaceri che eravamo soliti dare per scontati, come andare a teatro, una cena con le amiche, andare in ufficio e che ora sembrano lussi impossibili. È vero che questi sono tempi di ansia e tristezza, e che il futuro ce ne riserverà ancora, ma credo anche che siano tempi in cui essere grati”. Come tante altre persone, anche la direttrice di Vogue è costretta a lavorare da casa e per questo ha ringraziato tutti i suoi collaboratori. Non è semplice accettare questa “nuova quotidianità”, ma Anna ha sottolineato che “uniti” si può vincere ogni battaglia. Non a caso, ha rivolto belle parole anche a tutti coloro che in questo delicato momento le stanno facendo sentire la loro vicinanza. In conclusione, la Wintour ha rivolto uno speciale ringraziamento agli stilisti sia famosi che emergenti che hanno donato a favore della ricerca contro il Covid-19.