Alberto Pellai: un bambino sano è un bambino che gioca

·1 minuto per la lettura
featured 1377186
featured 1377186

Milano, 10 giu. (askanews) – “Il Manifesto del gioco attivo prevede dieci principi che sono di importanza fondamentale per chi si occupa di educazione e crescita dei bambini, soprattutto quelli in età prescolare. I bambini sono corpo, mente, cuore e relazioni e il gioco è un importantissimo nutrimento che stimola tutte queste dimensioni. Fondamentalmente un bambino sano è un bambino che gioca, un bambino felice è un bambino che gioca, un bambino che sa stare con gli altri è un bambino che gioca. Ed è particolarmente importante dirlo oggi dopo un periodo faticosissimo per i bambini, privati delle relazioni e privati del fuori il luogo dove per eccellenza si può mettere in gioco la propria voglia di giocare e soprattutto deprivati del corpo, che è per un bambino uno strumento di conoscenza, di competenza relazionale e di costruzione della sua mente. Se il bambino fa, il bambino cresce e la sua intelligenza si sviluppa”. Lo ha detto il medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva Alberto Pellai, intervenendo a Milano alla presentazione del Manifesto del gioco attivo, un progetto dell’azienda Little Tikes, all’insegna dello slogan “Esci fuori. Cresci dentro”.

“Tenere il bambino chiuso e bloccato – ha aggiunto Pellai – lo mette a rischio di regressione. Questa è probabilmente la cosa che abbiamo visto di più: bambini che stavano crescendo e che improvvisamente hanno bloccato la costruzione delle loro competenze e hanno perso la posizione che avevano raggiunto. Questo però è un tempo importantissimo di riabilitazione e si può tornare ai livelli di prima, anzi, si cresce di più”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli