Alcuni parenti del defunto hanno iniziato a darsele di santa ragione in ordine al lascito della casa

·2 minuto per la lettura
A Roma sono dovuti intervenire i carabinieri per una rissa ad un funerale
A Roma sono dovuti intervenire i carabinieri per una rissa ad un funerale

Botte da orbi per la casa della “buonanima” e carabinieri di Roma accorsi a sedare una maxi rissa al funerale di un 80enne in cui alcuni parenti avevano deciso di contendersi la sua eredità a suon di cazzotti. Sarebbe stata questa la motivazione riportata dai media locali per cui alcune persone presenti alle esequie avrebbero iniziato a darsele di santa ragione: il lascito della casa. L’episodio di incresciosa violenza si è verificato lo scorso 30 dicembre nel quartiere Testaccio

GUARDA ANCHE: Principe Filippo, il mistero sulle sue ultime volontà: cosa c’è davvero nella cassaforte

Esequie e cerotti, a Roma scoppia una furiosa rissa al funerale di un 80enne

Pare che tutto abbia avuto innesco alla fine della funzione religiosa e con il capannello di parenti raccolti intorno all’auto dei servizi funerari. Ed avrebbe avuto inizio con degli insulti che avrebbero funto da “miccia” per la fase più “spiccia”, poi si sarebbe passati alle mani. E ci si sarebbe passati con tante di quella foga che ad un certo punto una donna presente al funerale si è sentita male

Carabinieri e 118 accorsi dopo una rissa al funerale di un 80enne di Roma

I media spiegano che il capannello (non i partecipanti diretti alla rissa) era composto da una ventina di persone e che ad un certo punto qualcuno ha chiamato sia i Carabinieri per sedare quel casino che il 118 per soccorrere la donna che si stava sentendo male. Sul posto sono arrivate due pattuglie dell’Arma ed un’ambulanza e ciascuno degli equipaggi ha fatto il suo: riportare la calma, verbalizzare e prestare soccorso alla donna. 

La casa a Roma e chi ci doveva abitare: ecco il motivo della rissa al Testaccio durante il funerale di un 80enne

Va detto che i militari ci avrebbero messo un po’ a distanziare i contendenti, dato che qualcuno di essi non si sarebbe fatto intimorire dalla presenza dell’Arma ed avrebbe tentato ulteriori “assalti”. Fanpage spiega che si, il motivo del contendere che inizialmente aveva riguardato solo due uomini seguiti a ruota dai rispettivi famigli e sodali, era proprio l’abitazione del defunto e il diritto ad andare ad abitarci.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli