Aldo Forbice è morto: il giornalista e scrittore aveva 80 anni

·2 minuto per la lettura
aldo forbice morto
aldo forbice morto

Aldo Forbice, giornalista e scrittore nonché volto storico Rai, è morto a 80 anni. Il conduttore, entrato a far parte della grande famiglia di Viale Mazzini alla fine degli anni Sessanta, è scomparso a Roma nella mattina del 24 maggio 2021. La Rai si stringe al dolore di sua moglie e delle due figlie.

Aldo Forbice è morto

Volto storico di casa Rai, Aldo Forbice è morto. Giornalista e scrittore, è stato conduttore di Zapping su Radio Uno ed ha avuto una lunga carriera nella grande famiglia di Viale Mazzini. E’ scomparso nella mattinata del 24 maggio a Roma. Aveva 80 anni e lascia la moglie e due figlie.

Aldo Forbice è morto: una lunga carriera

Aldo Forbice era entrato in Rai sul finire degli anni Sessanta. Nato a Catania nel 1940, si è iscritto all’ordine dei giornalisti nel 1965. Ha collaborato con numerose testate nazionali, come l’Avanti di Milano, Il Mattino di Napoli, Il Messaggero, Il Quotidiano Nazionale – Resto del Carlino e Il Mondo.

Oltre alla vasta produzione letteraria, la sua carriera l’ha visto anche impegnato nel sindacato della UIL e nella manifestazione Umanitaria, dedicata ai diritti civili e a temi come il traffico di armi, la violenza sui bambini, la pena di morte, la fame nel mondo, la violenza sulle donne e la tortura.

Aldo Forbice è morto: la carriera in Rai

Nel 1969 Aldo Forbice aveva fatto il suo ingresso in Rai. Il primo ingaggio importante è arrivato nel 1970, quando è stato scelto per Turno C, primo programma interamente dedicato al mondo del lavoro. In seguito, è stato al Tg1 come coordinattore delle sedi regionali e poi vicedirettore del Giornale Radio Rai. Dal 1994 al 2012, ha condotto Zapping, trasmissione quotidiana radiofonica del Giornale Radio Uno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli