Alessandra Matteuzzi insultata sui social dopo la morte: la denuncia della famiglia

Alessandra Matteuzzi insultata sui social dopo la morte: la denuncia della famiglia (Foto Facebook)
Alessandra Matteuzzi insultata sui social dopo la morte: la denuncia della famiglia (Foto Facebook)

Non c'è pace per Alessandra Matteuzzi, la 56enne uccisa a Bologna il 23 agosto scorso dal suo ex compagno, il calciatore 27enne Giovanni Padovani. Dopo la morte, la povera donna è stata insultata sui social.

A denunciarlo è la famiglia di Alessandra Matteuzzi, che è rimasta sconvolta da come gli haters abbiano commentato con toni aggressivi e offensivi l'abbigliamento della donna e la differenza d'età con il suo ex compagno. La famiglia ha deciso di denuncia per diffamazione e anche, in alcuni casi, incitamento all'odio.

LEGGI ANCHE: Le dichiarazioni della sorella di Alessandra Matteuzzi

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Donna uccisa a Catania, fermato il figlio

A dare la notizia è il quotidiano Il Resto del Carlino. Gli esposti verranno depositati entro la fine di questa settimana. L'avvocato Chiara Rinaldi, che rappresenta la famiglia di Alessandra Matteuzzi ha detto: "In generale ci vorrebbe rispetto per chi non c'è più, ma bisogna che le persone comprendano anche che non ci si può comportare sui social come se ci si trovasse in un saloon del Far West e che dovranno rispondere delle loro azioni, cui come sempre corrisponde una reazione adeguata".

LEGGI ANCHE: Omicidio Alessandra Matteuzzi, l’ex fidanzato “Il martello era per legittima difesa”

Alessandra Matteuzzi è stata uccisa il 23 agosto sera. Il suo ex compagno, Giovanni Padovani, da allora si trova nel carcere della Dozza, a Bologna. La vittima aveva denunciato Padovani per stalking un mese prima di morire, ma nei confronti del giovane non erano stati adottati provvedimenti restrittivi.

LEGGI ANCHE: La denuncia di Alessandra Matteuzzi: cosa aveva detto ai Carabinieri

Dopo la morte di Alessandra Matteuzzi tantissime persone hanno cominciato a scrivere commenti terribili nei suoi confronti. La famiglia aveva già cercato di spiegare che la vittima non era come appariva sui social, ora la decisione di sporgere denuncia.