Alessandra Matteuzzi, la cugina: "Ha sempre aiutato tutti"

Alessandra Matteuzzi
Alessandra Matteuzzi

L’avvocato Sonia Bartolini, cugina di Alessandra Matteuzzi, ha ricordato la donna nel corso di un’intervista ad AGI. Alessandra è stata uccisa presso il cortile del condominio in cui viveva alla periferia di Bologna. Bartolini ha ricordato la 56enne come una donna dal carattere molto forte e propensa ad aiutare il prossimo. A detta di Sonia, sua cugina non era come appariva sui social. Il presunto omicida di Alessandra è il 27enne Giovanni Padovani. L’uomo, ex fidanzato della vittima, aveva una carriera come calciatore. In passato era stato anche modello.

Alessandra Matteuzzi, Sonia: “Una generosità estrema”

Sonia Bartolini ha descritto il carattere di Alessandra Matteuzzi: “Era intelligentissima, un carattere molto forte. Ha sempre aiutato tutti, una generosità estrema: caratteristica che si è resa più labile gli ultimi due anni, in seguito alla malattia del padre che lei ha sempre curato, e poi della madre, malata gravemente di Alzheimer che ha curato tenendola in casa finché ha potuto”.

Era diversa da come appariva sui social

Sempre riguardo alla cugina Alessandra Matteuzzi, Sonia Bartolini ha specificato: “Pensare che fosse la donna che aveva delle storie con giovani, o che aveva più storie, lo escludiamo. Non era così”. A detta di Sonia, Alessandra avrebbe anzi rifiutato diverse storie perché in lei “doveva scattare qualcosa”.