Alessandro Di Battista spiega chi ha fatto cadere Draghi e risponde a chi gli chiede di candidarsi

Alessandro Di Battista
Alessandro Di Battista

Torna a parlare Alessandro di Battista e lo fa come di consuetudine sul suo canale YouTube. L’ex Deputato e punto forte del Movimento 5 Stelle (M5S) spiega secondo lui chi sono i veri responsabili della crisi di governo e a coloro che gli chiedono: “Perchè non ti candidi?”, ha dato una risposta.

Alessandro Di Battista dice la sua sulla crisi di governo e su una sua possibile candidatura

Di Battista ha specificato che essendo uscito dal M5S non li difende per partito preso, ma lo fa perchè non è loro la colpa della crisi di governo. Le cause sono solo due: l’uscita di Luigi Di Maio dal M5S e la volontà di Mario Draghi di non continuare a governare. L’uscita di Di Maio del Movimento è stata la liberazione del partito, in quanto il ministro degli Affari Esteri aveva tradito i valori del manifesto iniziale del M5S. Il movimento è tornato ad essere quello che era un tempo ed era inevitabile che questo portasse ad uno strappo con il governo. Ma se Di Maio non fosse mai uscito, essendo filo governativo, la legislatura sarebbe arrivata al termine.

Chi sono i resposabili della crisi di governo secondo Alessandro Di Battista

Le colpe di Mario Draghi sono state quelle di non voler più fare il presidente del Consiglio dei Ministri che, secondo Di Battista, era solo il primo step per arrivare al Quirinale. Il premier dimissionario, infatti, non ha mai nascosto il piacere di occupare la poltrona che ora è di Sergio Mattarella. Alessandro Di Battista ha dichiarato che un presidente che ci tiene al proprio Paese e vuole arrivare alla fine del suo mandato, avrebbe cercato un compromesso e non avrebbe attaccato apertamente la Lega e il Movimento 5 Stelle che erano parte della sua maggioranza.

Perchè Alessandro Di Battista, al momento, non si ricandiderà?

Tra i tanti temi affronati dall’ex Deputato pentastellato, c’è anche quello del suo ritorno in politica. Di Battista ha detto che non se la sente di entrare di nuovo in Parlamento poichè dovrebbe rinunciare alla sua libertà, a determinate idee, ad una totale indipendenza. Inoltre Di Battista non crede in quella che è la professione del politico. La politica dovrebbe essere qualcosa che non si fa per mestiere o per raggiungere una traguardo della propria vita o carriera, ma dovrebbe essere qualcosa che si fa solo ed esclusivamente per il bene dei cittadini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli