Alfa Romeo compie 110 anni e riapre il Museo

Redazione

TORINO (ITALPRESS) - Il rapporto tra Alfa Romeo e gli Alfisti, ma sarebbe meglio dire tra Alfa Romeo e tutti gli appassionati di storia e cultura dell'automobile, e' diventato nel tempo un legame unico e inimitabile, al contempo viscerale ma perfettamente comprensibile, persino ovvio, anche se esaminato con la lente delle motivazioni piu' tecniche e razionali. Centodieci anni di storia hanno sempre, e da sempre, mostrato una buona ragione per dirsi affezionati al marchio Alfa Romeo: una relazione che va al di la' del semplice attaccamento tra un consumatore e un marchio.

Centodieci anni di storia: un traguardo che pochi possono vantare, una ricorrenza che ricorre proprio oggi, 24 giugno e che impone ad Alfa Romeo, e si tratta della piu' piacevole delle imposizioni, di restituire affetto e gratitudine a chiunque rivolga al Biscione un proprio pensiero. E cosi', per festeggiare il proprio centodecimo compleanno, Alfa Romeo vuole fare un regalo ai suoi appassionati.

Da oggi Alfa Romeo apre al pubblico l'area Collezione, i depositi del Museo sinora chiusi consentendo di accedere a una raccolta completa ed emozionante che comprende altre 150 automobili, motori da strada, aeronautici e nautici, trofei, oggetti artistici. E' un vero e proprio tesoro che esula dalla filologia del percorso museale per creare un percorso storico autentico, completo e dettagliato.

La Collezione e' suddivisa in 18 aree tematiche che spaziano dalle prime vetture del Marchio, come la 20/30 ES alle Formula, fra cui Formula 1 e Formula Indy. Dai concept cars come Caimano e Prote'o ai prototipi come la Scarabeo, la Sprint 6C e la Giulia ancora camuffata. Ma non mancano le RL, le 6C di Jano e le vetture piu' recenti, sia da corsa che da strada. Per finire, una carrellata di propulsori, fra cui l'inedito 4C 1500 degli anni Trenta e i Formula 1 turbo 415T.

Nell'ambito delle celebrazioni, verra' inaugurata la nuova sezione "Alfa Romeo in divisa" dedicata alle auto dei Carabinieri, a testimonianza dello storico rapporto tra Alfa Romeo e le Forze dell'Ordine che da sempre hanno arruolato tutti i piu' significativi modelli del Biscione. Lo spazio e' stato allestito con un layout dinamico, grafiche geometriche e colori simbolici che valorizzano sei selezionatissimi modelli di Alfa Romeo, rappresentativi dei 60 anni dello storico rapporto con l'Arma. Le vetture, disposte su grandi pedane circolari, formano un suggestivo effetto tridimensionale che simula grandi aloni di luce teatrale puntati sulle auto che hanno accompagnato l'Arma nelle piu' disparate avventure nelle citta' italiane.

Alle pareti, le grafiche sono vivacemente colorate: il rosso, simbolo dell'Alfa Romeo e il blu delle luci di emergenza delle sirene, sottolineano le immagini storiche di vetture, personaggi e avvenimenti che hanno caratterizzato il rapporto tra l'Arma e l'Alfa Romeo.

Dalla 1900 M "Matta" che con l'Arma dei Carabinieri ha anche vinto una Mille Miglia alla leggendaria Giulia, la piu' iconica delle "Gazzella". Fino alla 75, Alfetta - in esposizione un esemplare blindato - Alfa 90 ed una rara Giulia Giardinetta. La nuova sezione del Museo "Alfa in divisa" racconta le vetture, gli allestimenti e le epoche che hanno segnato la storia del Paese ed e' stata progettata dall'arch. Benedetto Camerana che aveva gia' concepito, a fine 2013, la riqualificazione e il rinnovamento dell'intero Museo.

Fedele alle emozioni che fanno parte del suo DNA, Alfa Romeo ha pensato ovviamente anche al coinvolgimento diretto di club, visitatori e appassionati che potranno partecipare a parate sul tracciato interno e flash mob, sempre in totale sicurezza. E tutti coloro i quali non potranno raggiungere il Museo di Arese, potranno assistere a una diretta sui canali social ufficiali del Brand.

Oltre al bello della diretta, il Marchio propone un tour virtuale di uno dei piu' grandi musei del mondo dedicati alle automobili attraverso la serie di sei video "Tour 110 anni", realizzato ad hoc per questa straordinaria ricorrenza. Il primo e' introduttivo e mostra una panoramica del Museo; il secondo e' dedicato all'area tematica "Timeline", che rappresenta la continuita' industriale del Marchio; il terzo all'area "Bellezza", in cui si combinano stile, design e lifestyle; il quarto all'area "Velocita'", sintesi di tecnologia, spirito sportivo e piacere di guida. Il quinto e il sesto capitolo sono dedicati al dietro le quinte, con una overview sull'archivio e sulla collezione.

Durante la speciale ricorrenza odierna, e' presente ad Arese la nuova Giulia GTA, l'iconica serie limitata concepita per il 110° anniversario del Marchio, e sempre da oggi il Museo Alfa Romeo sara' il teatro di esclusive anteprime private per i clienti. La nuova Giulia GTA si ispira tecnicamente e concettualmente alla Giulia GTA del 1965: la "Gran Turismo Alleggerita" sviluppata da Autodelta a partire dalla Giulia Sprint GT che colleziono' successi sportivi in tutto il mondo.

(ITALPRESS).

sat/com