Alfa Romeo, fino al 27 giugno festeggiamenti per i 111 anni

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bologna, 24 giu. (askanews) - Quando, il 24 giugno 1910, nasceva Alfa, le auto erano rosse. Qualche anno prima, infatti, era stato assegnato all'Italia questo colore per le automobili da corsa. Da allora il rosso è diventato parte integrante del Dna Alfa Romeo. E oggi, nel giorno del 111esimo anniversario del marchio, il museo si tinge idealmente di rosso per accogliere i tanti appassionati che, come ogni anno, arriveranno ad Arese per festeggiare.

Rossa è la parata di Alfa Romeo di privati che giovedì ha aperto una quattro giorni di eventi che proseguirà fino al 27 giugno. Rosso è uno speciale allestimento temporaneo all'interno del museo, che fino a domenica racconterà le infinite sfumature e interpretazioni di questo colore, esponendo in una suggestiva carrellata esemplari di diverse epoche e caratteristiche: dalle vetture verniciate a mano con il pennello sul campo di gara fino alle tecnologiche vernici degli anni recenti, dai toni aranciati del rosso Italia ai toni scuri del rosso Proteo, oltre naturalmente al Rosso Alfa, codificato con la sigla AR 501.

Questa giornata di festa, alla quale parteciperanno rappresentanze dei Club Alfa Romeo a testimoniare la profonda passione per il Biscione, sarà la cornice per un evento che lega idealmente la gloriosa storia del Marchio al futuro. I primi acquirenti delle esclusive Giulia Gta e Gtam ritireranno i primi esemplari di queste straordinarie vetture prodotte in sole 500 unità numerate.

Per questi fortunati clienti è stata preparata un'esclusiva customer experience assieme ai responsabili del brand, del design e dell'engineering. Potranno inoltre accomodarsi al posto di guida delle loro nuove Giulia e partecipare a una parata esclusiva sulla pista interna del museo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli