Alfano: l'Italia è la superpotenza del gusto e della cucina -2-

Ihr

Roma, 10 nov. (askanews) - Il ministro ha tenuto a ricordare l'origine del progetto. "La settimana della cucina nasce da Expo 2015, dai valori che abbiamo diffuso nel mondo con la Carta di Milano, dal protocollo di intesa fra la Farnesina, il ministero delle Politiche agricole e il ministro dell'Istruzione per valorizzare insieme all'estero la cucina italiana di qualità e i nostri magnifici territori", ha detto Alfano. "Il nostro successo è un grande lavoro di squadra che si è allargato oltre l'ambito istituzionale per abbracciare le associazioni di categoria, sistema camerale, scuole di cucina, tanti eccellenti cuochi e sommelier insieme al settore privato".

"Come diplomazia economica consideriamo una priorità la tutela del marchio agroalimentare italiano. C'è l'impegno di difendere le nostre indicazioni geografiche, c'è il contrasto al fenomeno dell'italian sounding, c'è l'azione per tutelare la proprietà intellettuale e industriale delle imprese", ha continuato.

"Come l'anno scorso la cucina verrà raccontata con iniziative di taglio culturale, mostre d'arte, concerti, proiezioni cinematografiche nello spirito del vivere all'italiana. In concreto mille eventi in più di 100 Paesi, mettendo a disposizione la nostra rete di ambasciate, consolati, istituti di cultura, per moltiplicare la rete di sistema e di amplificare il ritorno economico e di immagine all'estero".

Il capo della diplomazia italiana ha infine sottolineato che quest'anno la settimana della cucina sarà "anche un'occasione per promuovere due nuove importanti candidature italiane all'Unesco, quella dell'arte dei pizzaioli napoletani che verrà votata fra poche settimane a Seoul e i paesaggi delle colline di Conegliano, famose per il prosecco, che saranno in gara il prossimo anno".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità