Alfio Bardolla, financial coach: "Se una persona guadagna 1.000 euro al mese è perché non vale più di 1.000 euro al mese"

Adalgisa Marrocco
Photographer: Alessia Pierdomenico/Bloomberg via Getty Images

Alfio Bardolla è nato in Valchiavenna quarantasei anni fa da famiglia modesta. Papà capostazione, mamma casalinga, tre figli: a 19 anni, Bardolla decide di evadere dal nido famigliare per andare a Milano a fare l'università. Con l'intento di mantenersi e pagare la retta, neanche ventenne crea la sua prima azienda informatica e da lì la svolta. Dopo i primi guadagni, la carriera di immobiliarista e una lunga serie di successi finanziari che gli permettono di trasformare la sua storia in un brand di successo.

Oggi, infatti, Alfio Bardolla è presidente, amministratore delegato e azionista di maggioranza di ABTG (Alfio Bardolla Training Group, società sbarcata in Borsa la scorsa estate e quotata decine di milioni di euro), ma è anzitutto il financial coach più famoso d'Italia. In parole povere, spiega la ricetta per diventare ricchi a migliaia di persone. Bardolla ha raccontato il suo mestiere e le sue idee a HuffPost Italia, a pochi mesi dall'uscita dell'ultimo libro da lui firmato: First Class (Mondadori, 2017).


Sulla copertina del suo ultimo libro si legge "Il viaggio accanto a un milionario che ti cambierà la vita": è questo il senso del mestiere di financial coach?

Il financial coach è una sorta di allenatore finanziario. Se nello sport un allenatore aiuta le persone a migliorare le proprie prestazioni fisiche, il financial coach aiuta le persone a migliorare le prestazioni dal punto di vista finanziario. In questo tipo di business, vigono regole rigide che vanno seguite alla lettera e che non sono facilmente deducibili. All'università, nelle facoltà di economia, insegnano che le scelte migliori vengono fatte basandosi su dati e fatti ma, nella realtà, le persone spesso compiono scelte finanziariamente stupide, dettate dall'emotività. Basti pensare a cosa sta accadendo in Borsa in questi giorni: perfino il mio titolo ha segnato -10% perché c'è stato qualcuno che ha venduto le azioni per paura. Poi il titolo si è risollevato, arrivando a...

Continua a leggere su HuffPost