Algeria: 49 persone condannate a morte per omicidio di massa

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Algeri, 25 nov. (Adnkronos) – Un tribunale algerino ha condannato a morte 49 persone per il brutale omicidio di massa di un pittore sospettato di aver provocato incendi devastanti, ma che in realtà aveva cercato di aiutare a combatterli. Lo riporta il Guardian, aggiungendo che il gigantesco processo di massima sicurezza sull'uccisione dell'artista Djamel Ben Ismail ha coinvolto più di 100 sospetti, molti dei quali sono stati giudicati colpevoli per qualche ruolo nella sua morte.

L'omicidio, avvenuto nel 2021 nella regione di Kabyle, nel nord-est dell'Algeria, aveva scioccato il Paese. L'uccisione del pittore era avvenuta subito dopo gli incendi nella regione montuosa berbera che avevano provocato la morte di circa 90 persone, compresi i soldati che cercavano di domare le fiamme.