Algeria, HRW denuncia le autorità: "Reprimono" le proteste -3-

Fth

Roma, 9 set. (askanews) - Il 27 agosto, le autorità hanno vietato due incontri di importanti organizzazioni nel movimento di protesta: il Rassemblement Action Jeunesse (RAJ), un'associazione civica, e le Forze dell'alternativa democratica, una coalizione di tre partiti. Ad agosto, anche un membro di HRW, Ahmed Benchemsi, che stava seguendo una manifestazione, è stato arrestato, detenuto per 10 ore e privato del passaporto per 10 giorni, prima di essere espulso dal Paese, senza essere informato di alcuna accusa, ricorda la ONG.

Numerosi giornalisti stranieri sono stati espulsi da aprile, tra cui il direttore dell'ufficio AFP di Algeri, inviati speciali dell'agenzia Reuters e il canale televisivo turco TRT, mentre il sito di notizie TSA (Tout sur l'Algeria) è inaccessibile nel paese da giugno. "Le autorità stanno violando i diritti e intensificano la repressione", ha detto Lama Fakih. "Dovrebbero arretrare e dare al popolo algerino la libertà di espressione e di riunione a cui ha diritto".