Alibaba, in ultimo trimestre 2020 ricavi +37%, utile netto +52%

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 feb. (askanews) - Il gigante dell'e-commerce cinese Alibaba, nonostante le incertezze degli ultimi mesi legate alle pressioni antirust di Pechino e al ruolo del suo fondatore Jack Ma, ha annunciato di aver registrato nel trimestre concluso a dicembre un aumento dei ricavi del 37 per cento su base annua.

"La Cina è stata l'unica grande economia del mondo a ottenere un Pil in crescita lo scorso anno. Grazie alla rapida ripresa dell'economia cinese, Alibaba ha avuto un altro trimestre molto ricco", ha commentato Daniel Zhang, presidente e amministratore delegato di Alibaba Group.

Il gruppo ha registrato ricavi per 221,1 miliardi di yuan (33,88 miliardi di dollari), un dato migliore delle previsioni. In particolare, a favorire questa crescita è stato il successo della promozione dell'11 novembre 2020, che ha generato vendite record per oltre 74 miliardi di dollari. L'utile netto è cresciuto del 52 per cento su base annua, attestandosi a 79,4 miliardi di yuan (10,1 miliardi di dollari).

Il risultato decisamente positivo è stato registrato nonostante il momento critico nei rapporti tra il gigante di Hangzhou e le autorità cinesi. A dicembre l'Amministrazione statale cinese di vigilanza dei mercati ha lanciato un'indagine antitrust contro Alibaba e un mese prima era stata bloccata bloccata la quotazione di Ant Group, il braccio finanziario di Alibaba.

Il mese scorso, dopo una lunga assenza dalla scena pubblica che aveva sollevato diverse speculazioni, anche il fondatore del gruppo, Jack Ma, è riapparso.