Alimentare: Coldiretti, record storico export a 44 miliardi

Gci

Roma, 28 dic. (askanews) - Il cibo è diventato la prima ricchezza del Paese con la filiera agroalimentare estesa, dai campi agli scaffali e alla ristorazione, che raggiunge in Italia una cifra di 538 miliardi di euro pari al 25% del Pil ed offre lavoro a 3,8 milioni di occupati. E' quanto emerge da una anali della Coldieetti nel tracciare un bilancio del 2019. Si tratta di una leva strategica per la crescita del Paese, che cresce più e meglio degli altri e che in poco tempo è stato capace di diventare un traino per l'intera economia Made in Italy nei confini nazionali e all'estero, oltre ad essere di fondamentale importanza per l'ambiente e la salute degli italiani.

Lo dimostra il fatto - spiega Coldiretti - che mai così tanto cibo e vino italiano sono stati consumati sulle tavole mondiali con il record storico per le esportazioni agroalimentari Made in Italy che nel 2019 hanno registrato un aumento del 5% nei primi nove mesi per una proiezione su base annuale di 44 miliardi, il record storico. Quasi i due terzi delle esportazioni agroalimentari - sottolinea la Coldiretti - interessano i Paesi dell'Unione Europea dove il principale partner è la Germania mentre fuori dai confini comunitari continuano ad essere gli Stati Uniti il mercato di riferimento dell'italian food. E l'andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare - sottolinea la Coldiretti - con una più efficace tutela nei confronti della "agropirateria" internazionale che fattura oltre 100 miliardi di euro miliardi di euro utilizzando impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all'Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale. Un'industria del falso sempre più fiorente che ha paradossalmente i suoi centri principali nei paesi avanzati, a partire dall'Australia al Sudamerica, dal Canada agli Stati Uniti dove una spinta importante e venuta daqi dazi punitivi nei confronti dei formaggi e dei salumi italiani che hanno favorito le "brutte copie" locali.