Alimentarsi correttamente nell’ipotiroidismo

·2 minuto per la lettura

L’ipotiroidismo, condizione patologica caratterizzata da una ridotta funzionalità della tiroide, è un quadro clinico che, nelle aree con sufficiente apporto di iodio, si associa più frequentemente ad una tiroidite autoimmune cronica, detta di Hashimoto dal nome del medico che, per primo, descrisse questa malattia.

Sarà questo l’argomento di fondo della prossima puntata di Biomedical Report, il contenitore scientifico curato settimanalmente dall’immunologo Mauro Minelli, referente per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina Personalizzata, in programma alle ore 15 di venerdì 19 novembre.

In realtà più che della tiroide, quella di Hashimoto è una malattia del sistema immunitario che, ad un certo punto e per cause non ancora perfettamente chiarite, decide di produrre anticorpi anomali che, invece di colpire agenti nocivi che arrivano dall’esterno, aggrediscono la struttura ghiandolare della tiroide danneggiandola più o meno severamente.

E, in effetti, la tiroidite cronica autoimmune è caratterizzata dalla presenza nel sangue di elevati livelli di anticorpi contro le cellule della tiroide e da una infiltrazione di linfociti nella ghiandola che causa un tipico quadro ecografico e una graduale disfunzione tiroidea. Infezioni virali, stress, ormoni steroidei sessuali, inquinamento e/o antigeni allergenici, rappresentano i fattori ambientali più probabilmente coinvolti. Ma anche gli alimenti sembrano giocare un ruolo rilevante nella genesi di questa malattia soprattutto frequente nel sesso femminile. E in effetti, in caso di tiroidite, l’alimentazione è bene che sia specifica e rigorosa dovendo, oltre che garantire all’organismo il giusto apporto di iodio e altri micronutrienti, mantenere l’ambiente intestinale fisiologicamente sano ed impermeabile.

A questo proposito una correlazione sembra esistere tra allergia al nichel e tiroidite cronica autoimmune, nel senso che una certa suscettibilità allo sviluppo della malattia tiroidea sembra esistere nei pazienti con Sindrome Sistemica da Allergia al Nichel (SNAS), ciò che chiamerebbe in causa alimenti diversi tanto nell’insorgenza della malattia di Hashimoto, quanto nel mantenimento in salute della ghiandola ovvero nel trattamento di una sua disfunzione.

Temi emergenti e di grande interesse scientifico e sociale, se si considera l’impatto notevole che questa patologia ha soprattutto nel sesso femminile nel quale l’incidenza annuale viene stimata a 4 casi per 1000 abitanti

Appuntamento alle ore 15 di venerdì 19 novembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli