Alimenti: una molletta hi-tech che avvisa quando il cibo sta scadendo

webinfo@adnkronos.com

Contro lo spreco alimentare scende in campo la tecnologia. Arriva la 'molletta promemoria' hi-tech che, applicata agli alimenti ci avverte quando si avvicina la data di scadenza. Si chiama Memo Food Clip e a realizzarla è H24Invent, una invention factory veneta. La soluzione brevettata è composta da una clip che si può applicare agli alimenti e da un’app che attraverso lo smartphone avverte (tre giorni e 24 ore prima) della scadenza dei cibi conservati in frigo o nella dispensa di casa. 

Clip green: per la sua realizzazione è stato riutilizzato parte del legno abbattuto dalla tempesta Vaia che a fine 2018 ha colpito il Nordest distruggendo 8,6 milioni di metri cubi di legname, finanziando così la ricostruzione: due euro, per ogni confezione venduta, saranno infatti devoluti ai Comuni colpiti dall'evento climatico. 

La molletta, utile anche per chiudere sacchetti degli alimenti, è collegata a un’app, scaricabile sullo smartphone, che permette di inserire la data di scadenza (e si possono aggiungere anche altre informazioni sul prodotto, come il prezzo o la data in cui è stata aperta la confezione). All’utente arriverà un alert tre giorni e 24 ore prima della scadenza. 

Un contributo contro lo spreco alimentare, che ha anche un costo sociale ed economico: in Italia, nel 2018, sono finiti nel cestino 15 miliardi di euro in cibo, 247 euro per ogni cittadino. 

"I dati sullo spreco di alimenti sono impressionanti, nonostante negli ultimi anni ci siano state numerose campagne di sensibilizzazione sul tema – ricorda Enrico Ranzato, amministratore delegato e socio fondatore di H24Invent – Vista l’entità del problema abbiamo pensato al modo di utilizzare la tecnologia per trovare una soluzione a un fenomeno che non colpisce solo il quotidiano delle famiglie italiane, ma è un vero e proprio tema etico a livello globale". 

Con Ranzano, tra i soci fondatori di H24Invent ci sono Enrico Maria Patrizio (ex giocatore della nazionale di rugby italiana), Christian Bosco e Federico Celoria.