Alitalia: differito al 6 settembre lo sciopero previsto per venerdì 23 luglio

Lo sciopero di piloti e assistenti di volo di Alitalia proclamato per venerdì 23 luglio è stato differito al 6 settembre, con una durata di 24 ore. La decisione è stata presa dalla Federazione Nazionale Trasporto, associazione che riunisce Anpac, Anpav e Anp, dopo l'appello del Garante degli scioperi e dell'Ordinanza del Mit. La stessa decisione è stata presa da Usb, che però critica fortemente l'ordinanza emanata ieri dal dicastero di Porta Pia. "L'atto del ministro", si legge in una nota, "va nella medesima direzione di molti suoi predecessori di restringere ancor di più il diritto di sciopero oltre gli enormi limiti imposti dalla legge tra le più restrittive in Europa, tra l'altro nella difficoltà di dare risposte ai grandi problemi di un settore senza regole da decenni, tra l'altro in un momento particolare nel quale lo spettro del piano Alitalia aleggia sui lavoratori".

Lo sciopero di piloti e assistenti di volo di Alitalia proclamato per venerdì 23 luglio è stato differito al 6 settembre, con una durata di 24 ore. La decisione è stata presa dalla Federazione Nazionale Trasporto, associazione che riunisce Anpac, Anpav e Anp, dopo l'appello del Garante degli scioperi e dell'Ordinanza del Mit. 

La stessa decisione è stata presa da Usb, che però critica fortemente l'ordinanza emanata ieri dal dicastero di Porta Pia. "L'atto del ministro", si legge in una nota, "va nella medesima direzione di molti suoi predecessori di restringere ancor di più il diritto di sciopero oltre gli enormi limiti imposti dalla legge tra le più restrittive in Europa, tra l'altro nella difficoltà di dare risposte ai grandi problemi di un settore senza regole da decenni, tra l'altro in un momento particolare nel quale lo spettro del piano Alitalia aleggia sui lavoratori".