Alitalia e la fine della "MilleMiglia": quale sarà il futuro per i possessori delle tessere?

·3 minuto per la lettura
Governo
Governo

Lo stop di Alitalia porterà con se un altro problema da risolvere. È quello che coinvolge Alitalia Loyalty, la società che si occupa della “MilleMiglia”, la tessera fedeltà della compagnia aerea. È ancora, infatti, incerto il futuro di quest’ultima.

Alitalia Loyalty e la “MilleMiglia”: cosa succederà?

Alitalia Loyalty verrà messa sul mercato. Ciò avverrà per le direttive provenienti direttamente dalla Commissione Europea. Chi interessato, potrà acquistare la società prendendo parte ad una gara pubblica. Quest’ultima non avrà vincoli di partecipazione.

L’unico ente a cui verrà impedito di accedere al concorso è la futura compagnia di bandiera italiana, l’Italia Trasporto Aereo (ITA). Una scelta, quest’ultima, che vuole evitare una sorta di connessione diretta tra le due compagnie.

Una volta terminato l’intero iter d’acquisto sarà il nuovo gestore a dare disposizioni riguardo le tessere “MilleMiglia” di Alitalia. È difficile, tuttavia, predire cosa succederà. Infatti, vi è il rischio che Alitalia Loyalty verrà guidata da un ente non appartenente al mondo dell’aviazione.

In passato, è accaduto svariate volte che alla chiusura di una aviolinea i punti miglia non sono stati più utilizzabili. Tuttavia, con Alitalia non si dovrebbe correre questo rischio. Infatti, Alitalia Loyalty verrà venduta. Di conseguenza, l’acquirente avrà poi l’incarico di rimborsare in qualche modo gli ex clienti.

“MilleMiglia” di Alitalia: come utilizzare i punti già nella propria tessera

Il Corriere della Sera ha interrogato alcuni esperti per scoprire come ci si dovrebbe comportare con i punti già ottenuti con la “MilleMiglia”. La risposta è di tentare di adoperare ora le miglia che si hanno a disposizione. Si consiglia, inoltre, di mettersi in viaggio prima del 14 ottobre 2021. Infatti, oltre questa data Alitalia non sarà più operativa. Quindi, volando prima, si eviterebbero le incertezze causate dal cambio di compagnia di bandiera per l’Italia.

Comunque, si sono iniziate a fare anche delle ipotesi per i viaggi post 14 ottobre. Il governo ha attivato un piano d’indennizzo nei confronti di chi ha già prenotato un volo con Alitalia per una data successiva a quel giorno. A favore di tutto ciò, il governo ha reso disponibili 100 milioni di euro. Questa manovra verrà prossimamente spiegata in modo approfondito e ufficiale dal ministero dello Sviluppo economico.

“MilleMiglia” di Alitalia: altre possibilità per l’utilizzo dei punti

Come riporta sempre il Corriere della Sera, si sta ventilando la possibilità di trasferire le miglia accumulate per volare con altre compagnie di volo. Alitalia fa parte di SkyTeam. Ciò significa che possiede “diversi accordi di codeshare dei collegamenti” con altre compagnie aeree. Di conseguenza, è fattibile pensare ad uno scambio dei punti fedeltà con, ad esempio, Air France, Klm o Delta Air Lines. Il cliente quindi riuscirebbe, raggiunta la soglia di punti richiesta, ad avere il volo gratis che gli spetta con una diversa compagnia aerea.

Una cosa è, però, praticamente sicura. Non sembrano essere previsti rimborsi per le miglia che si possiedono. Infatti, nessuna compagnia aerea elargisce denaro per le miglia accumulate. Dunque, è estremamente difficile che Alitalia si comporti diversamente.

Alitalia Loyalty: modalità di passaggio a ITA

Ci sarebbe anche un modo per far sì che Alitalia Loyalty finisca nelle mani della stessa ITA. Infatti, la Commissione Europea ha messo il veto nei confronti di una transizione diretta tra Alitalia e ITA. Però, non vi è nulla che impedisca un’eventuale acquisizione da parte di ITA attraverso un’altra società. Quindi, il vincitore del concorso per la vendita di Alitalia Loyalty sarebbe in grado di cederla in un secondo momento alla nuova compagnia aerea italiana.

Leggi anche: Covid, il Comitato annuncia: “Preparare un volo per riportare a casa tutti i giovani bloccati all’estero”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli