**Alitalia: lettera Fnta a governo, urge anticipo ristori e avviare confronto**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 giu. (Adnkronos) – Alitalia "per tempistiche ascrivibili a necessità di ulteriori adempimenti burocratici, non è ancora nelle disponibilità degli importi a lei riconosciuti a titolo di ristoro danni Covid e finanziamento Decreto Sostegni Bis'. Si richiede pertanto di dar seguito con comprensibile urgenza alla richiesta di un anticipo di tesoreria, previsto dalla normativa vigente, pervenuta dalla Gestione Commissariale per garantire la continuità operativa del Vettore e consentire, fra poco più di due settimane, il pagamento degli stipendi e delle quattordicesime". A chiederlo è la Fnta in una lettera visionata dall'Adnkronos e indirizzata ai ministri dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, dell'Economia, Daniele Franco e delle Infrastrutture, Enrico Giovannini.

"Consapevoli che il rilancio di Alitalia attraverso Ita si poggi, tra l’altro, sull’indubbia capacità di attrazione dello storico brand e sulla consolidata fiducia dei clienti che entrambi devono essere preservati, siamo a richiedervi la rapida finalizzazione delle interlocuzioni in corso con le competenti controparti Ue per mettere in condizione Alitalia e Ita di intercettare il trend positivo di crescita delle prenotazioni di voli da/per l’Italia con specifico riferimento alle attività di lungo raggio consentendo la vendita di attività per la 'winter season (novembre 2021-marzo 2022)' onde evitare che si accumulino gap difficilmente colmabili rispetto ai competitors".

La Fnta che raggruppa Anpac, Anpav, Anp e Assovolo ritengono inoltre "necessario l’avvio del confronto con le parti sociali per socializzare gli aspetti di competenza, rimaniamo in attesa di una convocazione in materia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli