Alitalia: Meloni, 'patrimonio da valorizzare, una mini compagnia non serve'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 apr (Adnkronos) (Pol/Adnkronos) – "Alitalia ha garantito la connettività della nazione, volando con 10 passeggeri per non interrompere un servizio essenziale e riportare a casa connazionali rimasti all'estero. È l'unica compagnia abilitata al trasporto di organi per i trapianti, radiofarmaci e passeggeri in barella. A chi affideremo tutto questo con una mini Alitalia ripulita del nome e del glorioso marchio?". Lo scrive Giorgia Meloni in un intervento sul Messaggero.

"La presenza dello Stato è determinante per la difesa di un interesse pubblico strategico in una nazione che vive di turismo, cultura, enogastronomia, manifattura, promozione del Made in Italy. Presidiare la sovranità delle infrastrutture e dei collegamenti è vitale", sottolinea la presidente di FdI.

"Possiamo sapere, oltre a quanti soldi risparmieremmo con una mini compagnia, quanto ci costerà non avere più Alitalia, cioè quanto perderemmo se costretti a volare con altre compagnie per promuovere l'Italia nel mondo e quanti soldi dovremmo sborsare per la continuità territoriale con le isole e le aree meno sviluppate? La sovranità prevista dalla Costituzione si compone di tanti tasselli, tra cui la libertà di volare autonomamente, proprietari dei propri interessi, capaci di salvaguardare una delle tradizioni aviatorie più prestigiose della storia moderna. Una mini compagnia non ci farà toccare il cielo della rinascita italiana", conclude Meloni.