Alitalia: Rampelli, '5 ottobre alla Camera dies irae Draghi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 ott. (Adnkronos) – "Per la vicenda Alitalia sarà il Parlamento a dire l'ultima parola sulla quale il Governo dovrà adeguarsi rispettando gli impegni che tutte le forze politiche chiedono. In quanto primo firmatario della mozione capofila e come Fratelli d'Italia abbiamo sempre dimostrato massima disponibilità anche a lavorare su un testo condiviso. Purtroppo il Governo ha imposto alla maggioranza di riaggiornare il dibattito anche per evitare, evidentemente, di contenere il tracollo in vista delle Amministrative". Lo afferma Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia e vicepresidente della Camera.

"Ma non ci saranno ulteriori date: il 5 ottobre il Governo dovrà pronunciarsi sulla indispensabile difesa della compagnia di bandiera, il suo rilancio, la tutela dei posti di lavoro, la vigilanza sui contratti, l'apertura di un tavolo negoziale tra Ita (proprietà 100% dello Stato) e le rappresentanze sindacali, mantenimento della centralità di Fiumicino nelle rotte nazionali e internazionali. Aspettiamo il 5 come il dies Irae di Draghi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli