Aliyev: con Italy-Azerbaijan University nuova pagina relazioni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 set. (askanews) - "Sono lieto di essere presente per il primo evento organizzato in questo edificio", la nuova sede dell'ambasciata dell'Azerbaigian in Italia, "in questo quartiere storico di Roma" dove "apriamo le porte della nostra ambasciata e del centro culturale dell'Azerbaigian in Italia", ha detto il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev a Roma per prendere parte alla cerimonia nell'edificio appena inaugurato nel quartiere Trieste della Capitale.

"Sono molto lieto che il primissimo evento sia stato dedicato al campo della scienza" con lo scambio degli accordi firmati sulla cooperazione accademica per la definizione del quadro di cooperazione dell'Italy-Azerbaijan University, che avrà sede a Baku, ospitata nel campus dell'Ada University. Per l'Italia e l'Azerbaigian "si apre una nuova pagina delle relazioni", ha sottolineato il capo di stato, che ha salutato i presenti con un italianissimo "Buongiorno".

"Due anni fa, nel corso della mia visita in Italia ho dichiarato di voler creare questa università e ho trovato il sostegno delle autorità italiane, in poco tempo abbiamo completato le formalità, ad aprile, alla presenza del ministro degli Esteri Luigi Di Maio c'è stata la posa della prima pietra", dando l'avvio a una collaborazione che "rafforzerà le relazioni tra i nostri due Paesi".

Le cinque università italiane firmatarie, insieme ad Ada University, sono la Luiss Guido Carli, la Sapienza Università di Roma, il Politecnico di Torino, l'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, e il Politecnico di Milano.

Quello di oggi è un evento "storico", il "primo evento del primo giorno della mia visita in Italia, sono sicuro che possiamo rafforzare la nostra collaborazione e amicizia con le trattative che avrò oggi con le autorità italiane", ha concluso Aliyev.

All'esterno della nuova sede dell'ambasciata, il presidente Aliyev si è soffermato a parlare con i rettori dei cinque atenei, sottolineando che "la cultura è un patrimonio mondiale" e "va tutelata".  Il capo di stato azerbaigiano ha poi aggiunto: "Quando si vede la bellezza dell'Italia si capisce perché l'Italia ha i migliori artisti e designer, perché si svegliano e vedono questa bellezza". Aliyev si è poi congedato salutando e ringraziando in italiano prima della colazione di lavoro con il presidente Sergio Mattarella: "Grazie e arrivederci". Secondo il programma successivamente incontrerà il premier Mario Draghi e poi si sposterà a Cernobbio dove domani è previsto un suo intervento.