Alla Galleria Borghese di Roma arriva pannello tattile in braille

Red/Cro/Bla

Roma, 5 set. (askanews) - Per proseguire nel coinvolgimento dei visitatori con disabilità e fragilità diverse nelle attività della Galleria Borghese e nell'ambito dell'ampio programma di accessibilità avviato dal Museo, mercoledì 4 settembre è stato collocato nell'area esterna, di fronte alla facciata della palazzina che è il punto interessato dai più intensi flussi turistici, un pannello tattile con la rappresentazione della facciata e la planimetria dell'edificio, accompagnato da un testo sia in braille sia con carattere ingrandito per le persone cieche, ipovedenti e con normale riduzione della facoltà visiva.

Questa è la prima tappa di un più vasto progetto che prevederà la collocazione di materiali tattili negli spazi interni della Galleria Borghese, secondo il progetto di completo rifacimento degli spazi museali dedicati all'accoglienza e ai servizi (biglietteria, guardiania, accesso disabili, sala didattica, bookshop, caffetteria, ristorante) attualmente in corso. Sono questi i nuovi strumenti di cui si sta dotando il Museo per facilitare la comprensione, da parte delle persone cieche, dell'ambiente in cui ci si trova, anche dal punto di vista della ricostruzione spaziale, aspetto di primaria importanza per l'orientamento.

Il pannello tattile, ausilio pensato per essere utilizzato da tutti, anche dalle persone che hanno scarsa consuetudine con la lettura di piante e planimetrie, fornisce brevi informazioni in lingua italiana e inglese sulla Villa e sul Casino nobile realizzati dal cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V, all'inizio del XVII secolo.

(segue)