Alla Iuc l’originale ricerca pianistica di Federico Colli

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 nov. (askanews) - Grande attenzione ai talenti della nuova generazione: è da sempre l'approccio dell'Istituzione universitaria dei concerti (Iuc) di Roma. L'importante lavoro avviato con Enrico Saverio Pagano e l'Orchestra Canova ne è testimonianza viva e prosegue domani, martedì 15 novembre, con il pianista bresciano Federico Colli, classe 1988, uno degli interpreti "più originali della sua generazione" come la critica non ha mancato di notare (Gramophone).

Per il suo debutto in Aula Magna alla Sapienza Colli ha scelto un intelligente programma che accosta Fantasie di Mozart e Schubert a Pierino e il lupo di Sergej Prokof'ev (in una spettacolare versione per pianoforte solo firmata da Tatiana Nikolayeva).

"Un programma molto particolare e ricercato - lo definisce lo stesso pianista - tre opere su cinque, infatti, sono eseguite pochissimo e due di queste (Schubert e Prokofiev) sono una assoluta première italiana. Il programma si gioca sul dualismo: a tutta prima tra forma libera e forma costituita, ma più analiticamente e contenutisticamente tra precipizi vertiginosi e vaporosità soavi, tra profondità abissali ed ineffabili levità. Il mio augurio per chi vorrà partecipare al concerto è quello di uscire dalla sala con più domande che risposte".

Federico Colli ha rapidamente sviluppato una carriera di livello mondiale per le sue interpretazioni avvincenti e non convenzionali, oltre che per la limpidezza della sua sonorità. Si è esibito con orchestre prestigiose, fra cui l'Orchestra Mariinsky, la Filarmonica di San Pietroburgo, la Philharmonia Orchestra, la Royal Philharmonic, la BBC Symphony e la BBC Philharmonic, la Filarmonica Reale di Stoccolma, l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l'Orchestra Sinfonica della Rai e molte altre. Ha inoltre collaborato con direttori d'orchestra del calibro di Valery Gergiev, Vladimir Ashkenazy, Yuri Temirkanov, Juraj Valcuha, Ion Marin, Thomas Sondergard, Vasily Petrenko, Sir Mark Elder, Dennis Russel Davies e Sakari Oramo.

Domani sera Colli eseguirà, nel dettaglio: di Wolfgang Amadeus Mozart la Fantasia in do minore K 396; la Fantasia in do minore K 475 e la Sonata in si bemolle maggiore K 333 Di Franz Schubert: la Fantasia in fa minore D940 (trascrizione di Maria Grinberg). Infine di Sergej Prokof'ev: Pierino e il lupo op. 67 (trascrizione di Tatiana Nikolayeva)