All'aeroporto internazionale di Napoli arrivano i dispositivi di disinfezione per passeggeri

Capodichino, cabine di sanificazione

All’aeroporto di Capodichino, Napoli, arrivano finalmente le cabine di sanificazione per disinfettare i viaggiatori prima dell’imbarco. La procedura dura davvero pochi secondi, dopodiché il passeggero può recarsi verso l’area delle partenze, in totale sicurezza.

Capodichino installa le cabine di sanificazione

Da mercoledì 24 giugno 2020, presso l’aeroporto di Capodichino sono state installate le prime due cabine di sanificazione, presso l’area partenze, dall’azienda produttrice Sanitationbooth. Tali apparecchiature compariranno anche presso l’ospedale di Napoli, con lo scopo di sanificare anche personale, clienti e scongiurare così focolai di Covid.

L’aeroporto internazionale di Napoli è il primo scalo italiano ad aver adottato le nuove cabine di sanificazione, come misura anti Coronavirus. Il passeggero deve passare attraverso il dispositivo, che spruzza uno spray sanificante e germicida, innocuo per l’essere umano e soprattutto non dannoso per tessuti od oggetti.

Aeroporti a prova di Covid

Restano ovviamente in vigore anche tutte le altre norme anti contagio, come la distanza di sicurezza tra passeggeri e personale aeroportuale, la misurazione della temperatura attraverso termoscanner in partenza e arrivo, il divieto di ingresso al terminal con febbre superiore ai 37,5 gradi o sintomi riconducibili al Coronavirus.

Lo scalo italiano, come tanti altri, ha riaperto al pubblico lo scorso 3 giugno con lo sblocco totale del traffico aereo secondo le ultime disposizioni del Governo Conte. Il primo Paese ad aver sperimentato la cabina di sanificazione, sembra essere stato il Giappone: presso l’aeroporto di Hong Kong i viaggiatori hanno testato il dispositivo della CLeanTech.