All'Archivio Centrale dello Stato nasce Sala degli archivi di architettura

(Adnkronos) - L'Archivio Centrale dello Stato sta realizzando la Sala degli archivi di architettura grazie a un progetto di adeguamento funzionale della porzione di testa dell'edificio laterale dei depositi di piazzale degli Archivi, già individuata come Sala Mario Serio.

Costituirà un polo specialistico d'eccellenza per la conservazione, fruizione e valorizzazione degli archivi di architettura e del design. Questa iniziativa conserverà adeguatamente e renderà fruibile la massima concentrazione di archivi di architetti italiani presenti sul territorio nazionale, da Moretti a Morandi, da Marconi e Cancellotti a Busiri Vici, Paniconi, Pediconi e Valente. A questi si aggiungono gli archivi delle società del gruppo Bertone (la celebre carrozzeria che ha fatto la storia del design automotive e industriale dell’Italia della rinascita economica), recentemente acquisiti dal MiC e i fondi grafici di Sogene, Società italiana per le condotte d’acqua, Istituto nazionale urbanistica e Ufficio brevetti. Questi fondi archivistici sono corredati da plastici e modelli di stile, particolarmente fragili, che verrebbero inseriti in un percorso espositivo con un adeguato allestimento che ne garantisca fruizione e conservazione.

Il progetto prevede la razionalizzazione ed il ripristino degli spazi destinati al deposito e al riordinamento della documentazione, al fine di consentirne un ottimale sfruttamento garantendo al contempo un incremento quantitativo e qualitativo della capacità di conservazione. Contestualmente è prevista la rifunzionalizzazione a fini espositivi dell’area monumentale della Sala.

Gli interventi prevedono l’acquisto di scaffalature ignifughe compattabili per una capienza complessiva di 1.200 metri lineari, il recupero di scaffalature a norma per ulteriori 1.200 metri lineari e di 14 cassettiere porta disegni formato 2A0; l'adeguamento degli impianti elettrico e di climatizzazione (temperatura e umidità) con i relativi lavori edili sia per gli ambienti deposito che per quelli espositivi; adeguamento antincendio in funzione della compartimentazione prevista dal piano di prevenzione Inail mediante l'allestimento di una parete Rei 180 a protezione dei depositi; l'allestimento dell’area espositiva per i plastici ed i modelli di stile.

Lo stato d'avanzamento del progetto registra la realizzazione della progettazione tecnica (aprile 2022) e l'esecuzione dei servizi di movimentazione (agosto 2022) per lo sgombero delle aree interessate dai lavori. Attualmente sono in fase di avvio le procedure per l'assegnazione degli appalti delle varie opere necessarie che si prevede di concludere entro il mese di febbraio 2023.