"Allarme attentato in Italia in stile Bataclan”: due presunti terroristi ricercati

Allarme attentato come al Bataclan, ricercati due terroristi in tutta Italia (Foto LaPresse - Stefano Porta)


Nella notte del 2 novembre è scattato un allarme tra le forze dell’ordine italiane per la minaccia di un attentato terroristico sul territorio nazionale. “Modalità di esecuzione stile teatro Bataclan in Francia”, si legge in una nota riservata delle forze dell’ordine. A dare per primo la notizia è stato Open, il quotidiano online fondato da Enrico Mentana.

Si tratta di un allarme preventivo volto a sensibilizzare l’attenzione di tutte le forze dell’ordine per un possibile attentato che avrebbe come bersaglio l’Italia, con dettagli di esecuzione particolareggiati, e la diramazione di “una ricerca a tappeto di due terroristi albanesi sul territorio italiano”. Nella nota si legge che questo presunto attentato in Italia potrebbe ispirarsi agli attacchi che colpirono Parigi il 13 novembre 2015.

LEGGI ANCHE: Francia, sventato attentato in stile 11 settembre

Come riferisce l’Ansa, la segnalazione è “una delle tante che arrivano ed è stata adeguatamente presa in considerazione ed approfondita”, ma “non sarebbe emerso un pericolo attuale”.

L’allerta informativa sta girando da diverse ore tra le chat delle forze dell’ordine. A essere ricercati sono due cittadini albanesi, di cui si conoscono anche nome e cognome. Sono Battar Nabiyula, conosciuto anche come Maximilian Defilade o Bardhyl Hoxha, e Bujar Hysa. Il primo ha 49 anni, il secondo tra i 40 e i 48.

LEGGI ANCHE: A Manchester torna la paura del terrorismo

Il vice questore aggiunto della Polizia di Stato e segretario del sindacato PNFD – Polizia nuova forza democratica – Filippo Bertolami ha confermato a TPI che “in varie chat interforze cui partecipano diversi agenti di polizia stanno girando questa nota di allerta e le foto anche in chiaro” dei due presunti terroristi.

Nella nota si invitano agenti di polizia e militari a “prestare la massima attenzione, adottando ogni sistema di sicurezza e protezione in caso di controllo di persone sospette”.

“Io non c’entro”

La notizia dell’allerta terrorismo in Italia è arrivata velocemente in Albania. La trasmissione tv Ora News ha provato a raggiungere telefonicamente uno dei due ricercati di nazionalità albanese e ci è riuscita. Si tratta di Bardhyl Hoxha, che al momento vivrebbe in Francia. Il 46enne ha negato di avere connessioni col terrorismo e ha affermato di essere pronto a chiarire la sua posizione con la polizia italiana. “Non ho nulla a che fare con il terrorismo. Da 18 anni vivo in Francia con tutti i miei figli. Non ho alcun problema qui e non sono mai stato associato al terrorismo”.

L’uomo ha raccontato di aver avuto in passato un problema legale con l’Italia per il quale era stato estradato in Francia e aveva trascorso tre mesi in prigione in Italia. Ma ha anche sottolineato di aver “pagato la pena”. “Sono andato a processo e ne sono uscito pulito”.

L’uomo ha anche dichiarato di non conoscere il secondo ricercato, Bujar Hyssa: “Questa è la prima volta che sento questo nome. Non lo conosco né ho alcun legame con questa persona”.

GUARDA ANCHE - La scienza in campo per bloccare il reclutamento di mafiosi e terroristi