Allarme Lettera22 "per censura Facebook a Il Secolo D'Italia"

Red

Roma, 16 set. (askanews) - "Apprendiamo con grande preoccupazione che Facebook ha rimosso dalle proprie pagine un articolo del Secolo d'Italia, come denunciato dal Direttore Francesco Storace, su un argomento evidentemente sgradito a Menlo Park". E' quanto scrive in una nota l'associazione Lettera22, che lancia un allarme.

Il nostro allarme è duplice - prosegue Lettera22 -. Innanzi tutto per la grave forma di censura di cui è stato oggetto il Secolo d'Italia, una testata che da oltre 60 anni arricchisce il panorama editoriale italiana, contribuendo in maniera significativa al pluralismo ed alla completezza dell'Informazione, ai cui colleghi esprimiamo tutta la nostra solidarietà. In secondo luogo per l'assordante silenzio della Politica e delle associazioni di categoria dei Giornalisti. Perché il fatto va oltre il singolo caso, quando si comincia a colpire la libertà di stampa si colpiscono i valori fondamentali, non negoziabili della nostra democrazia. Nel Paese è in atto da tempo un dibattito su come evitare che iniziative giustificate con il contrasto a forme di odio in rete (reale o presunto) si trasformino in vere e proprie censure a opinioni non omologate e ritenute, arbitrariamente, illegittime dai colossi social. Forme di censura rispetto alle quali non è più accettabile nascondersi dietro il fatto che si tratta di "società private" le cui policy non posso essere messe in discussione. Riteniamo che sia giunto il momento che tutti - colleghi, editori, associazioni di categoria, operatori della comunicazione, e, soprattutto, istituzioni - si facciano carico, al di là delle appartenenze e delle convenienze, di una seria riflessione su quanto sta avvenendo e di azioni efficaci a tutela dei principi fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione e normati dalle nostre leggi".