Allarme meningite: riscontrati tre nuovi casi

allarme meningite

La meningite torna a far paura. Sono tre le persone ricoverate: una a Lucca, in Toscana, e due a Ostia (Roma). Nella città toscana è stata ricoverata, nel reparto di malattie infettive dell’ospedale San Luca, una donna di 48 anni. Mentre due residenti del litorale romano, sono stati trasferiti dal Grassi allo Spallanzani.

La donna di Lucca sarebbe in buone condizioni generali. Durante la giornata di ieri, lunedì 4 Novembre 2019, la 48enne si era recata al pronto soccorso accusando un forte mal di testa che non smetteva di tormentarla. Erano assenti altri sintomi della meningite, come la febbre.

Conclusi gli esami di rito, i medici hanno escluso una diagnosi per sepsi meningococcica. Inoltre, è stato chiesto all’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer di Firenze la conferma e la tipizzazione del meningococco, le quali saranno rese note nelle prossime ore di oggi, martedì 5 Novembre.

Allarme meningite

Nel frattempo, come sempre in questi casi, è stato messo in atto il consueto percorso della profilassi. Predisposte le misure necessarie per tutti coloro che hanno avuto contatti stretti e prolungati con la donna.

Infine, Patrizia Magrini, direttore sanitario Irccs Spallanzani di Roma scrive su Twitter: “Due casi di meningite sul litorale romano: l’Inmi Spallanzani è collegato 24 ore su 24 con i pronto soccorso per una diagnosi rapida e trasferimento nei posti letto di isolamento e rianimazione raddoppiati negli ultimi 2 anni. La rete delle malattie infettive della Regione Lazio funziona”.