Allarme Ue su incendi boschivi: nel 2018 record di Paesi colpiti -3-

Voz

Roma, 31 ott. (askanews) - Gli ecosistemi vulnerabili della rete Natura 2000, che ospitano numerose specie minacciate animali e vegetali, hanno perso 50 000 ha, equivalenti al 36 % della superficie totale andata persa nel 2018.

Nonostante la superficie complessiva incendiata sia stata inferiore agli anni precedenti, le temperature in Europa centrale e settentrionale si sono attestate al di sopra della media per la maggior parte dell'estate. Ciò ha determinato condizioni che hanno contribuito a far divampare e a diffondere gli incendi boschivi, con conseguenti perdite economiche e ambientali di ampia portata.

Nel 2018, prosegue l'analisi Ue, in Europa il meccanismo di protezione civile dell'Unione è stato attivato 5 volte per rispondere ad incendi boschivi in Svezia, Grecia, Lettonia e Portogallo. Nel corso dell'estate sono stati mobilitati un totale di 15 aerei, 6 elicotteri e oltre 400 vigili del fuoco; l'Unione europea ha finanziato i costi di trasporto per mobilitare il sostegno ai paesi colpiti, per un ammontare di 1,6 milioni di euro. Su richiesta degli Stati membri sono state prodotte oltre 139 mappe satellitari Copernicus sugli incendi boschivi. Inoltre, l'Ue ha inviato in Portogallo esperti forestali provenienti da tutta l'Ue per una missione di prevenzione e preparazione destinata a potenziare la capacità del paese di gestire gli incendi boschivi.(Segue)