Allarme vaccini Covid: cosa potrebbe succedere in autunno?

Vaccino Covid
Vaccino Covid

Secondo agli ultimi monitoraggi della Fondazione Gimbe sul vaccino Covid, potrebbe aspettarci un lungo autunno. Molte persone non si sono sottoposte nè alla terza dose nè alla quarta dose.

Allarme vaccini, in autunno i casi di Covid potrebbero aumentare?

Sebbene i casi di nuovi positivi, ricoveri e decessi, stiano decisamente diminuendo, il virus circola ancora e non va mai sottovalutato. Per quanto riguarda l’estate e quindi il breve periodo non dovrebbero esserci grosse preoccupazioni; ma l’autunno? L’inizio della stagione fredda, con il numero di persone che non si sono sottoposte a terza o quarta dose, potrebbe essere un problema.

I dati della Fondazione Gimbe

Stando ai dati della Fondazione Gimbe, come riporta Fanpage, in un mese sono raddoppiate le persone che si sarebbero dovute sottoporre alla terza dose e che invece non l’hanno fatto entro 180 giorni dalla precedente. Invece, per quanto riguarda la quarta dose, solo il 31% degli immunocompromessi l’hanno fatta e il 14% della popolazione anziana.

Cartabellotta e le fasce d’età meno propense al vaccino

Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ha fatto anche sapere che la media dei vaccinati al giorno è scesa a circa 7.000 persone. Le classi d’età meno propense al vaccino sono la fascia 12-19 e gli over 50. Questi dati potrebbero far pensare che in autunno potrebbe esserci una risalita esponenziale dei contagi, ma ovviamente resta solo una supposizione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli