Allarme variante Delta Plus: in India diffusa già in tre Stati

·1 minuto per la lettura
MUMBAI, INDIA  JUNE 22: Beneficiaries who need to travel abroad for educational, employment purpose and Tokyo Olympics wait in the designated area to get inoculated against Covid-19 at Pandit Madan Mohan Malviya Shatabdi Municipal General Hospital, Govandi, on June 22, 2021 in Mumbai, India. (Photo by Anshuman Poyrekar/Hindustan Times via Getty Images) (Photo: Hindustan Times via Hindustan Times via Getty Images)
MUMBAI, INDIA JUNE 22: Beneficiaries who need to travel abroad for educational, employment purpose and Tokyo Olympics wait in the designated area to get inoculated against Covid-19 at Pandit Madan Mohan Malviya Shatabdi Municipal General Hospital, Govandi, on June 22, 2021 in Mumbai, India. (Photo by Anshuman Poyrekar/Hindustan Times via Getty Images) (Photo: Hindustan Times via Hindustan Times via Getty Images)

Si diffonde sempre più rapidamente in India la variante cosiddetta ‘Delta Plus’ del coronavirus rilevata per la prima volta lo scorso aprile: secondo il ministero della Sanità, riporta la Bbc, finora sono stati individuati 22 casi del nuovo ceppo in sei distretti di tre Stati (Maharashtra, Kerala e Madhya Pradesh).

Sedici di questi casi di contagio sono stati rilevati nel Maharashtra, uno degli Stati indiani più colpiti dalla pandemia. Secondo il ministero la variante - conosciuta anche come ‘AY.1’ si diffonde più facilmente della Delta e si lega più facilmente alle cellule polmonari. Inoltre è potenzialmente resistente alla terapia con anticorpi monoclonali, una potente infusione endovenosa di anticorpi per neutralizzare il virus.

La variante Delta Plus è già stata rilevata anche in altri nove Paesi - USA, Regno Unito, Portogallo, Svizzera, Giappone, Polonia, Nepal, Russia e Cina - rispetto al ceppo Delta originale altamente contagioso, che ora si è diffuso in 80 Paesi.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli