Alle esequie del leader che segnò la fine dell’Urss spicca l’assenza del leader del Cremlino

Vladimir Putin presente alla veglia di Gorbaciov ma non alle esequie
Vladimir Putin presente alla veglia di Gorbaciov ma non alle esequie

Lo aveva annunciato e lo ha fatto: ai funerali di Mikhail Gorbaciov Vladimir Putin mantiene quel che ha detto e non c’è andato, delegando il suo vice Dmitry Medvedev. Alle esequie del leader che segnò la fine dell’Urss, iniziate stamattina, 3 settembre a Mosca alle 10 ora italiana spicca l’assenza del leader del Cremlino. I funerali di Mikhail Gorbaciov a Mosca non hanno avuto dunque l’avallo della presenza ufficiale di chi oggi di Mosca e della Russia incarna la massima espressione del potere.

Funerali di Gorbaciov, Putin non c’è andato

Vladimir Putin era stato in visita presso la camera ardente al feretro di Gorbaciov, si era inchinato davanti alla bara ma la sua mancata partecipazione al funerale è un chiaro segnale politico di quanto la figura di Gorbaciv sia sempre stata sgradita ai leader post comunisti, oggi più che mai dato che il defunto fu il primo a riallacciare serie relazioni con l’Occidente. L’accesso alla Sala delle Colonne della Casa dei Sindacati è aperto al pubblico.

Orban presente e Medvedev in “rappresentanza”

La cerimonia di oggi ha una durata prevista di circa due ore e ad essa partecipa anche il premier ungherese Viktor Orban. Lo ha fatto per “rendere omaggio” all’ultimo leader sovietico. I partecipanti sono stati censiti in circa duemila, con una fila che passa al fianco del Teatro Bolshoi e raggiunge la Casa dei Sindacati, dove in passato si sono svolte le esequie per tutti i leader sovietici a partire da Stalin. Al posto di Putin e a dare dare l’ultimo saluto al leader dell’Urss è intervenuto l’ex presidente russo e vicepresidente del Consiglio di sicurezza Dmitri Medvedev, mentre il premier attuale Mikhail Mishustin e il governo hanno inviato corone di fiori.