Alleanza Cooperative: preoccupati per allarmi in etichette vino

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 ott. (askanews) - "Forte preoccupazione per le azioni che la UE intende mettere in campo nel prossimo futuro: dal piano europeo di lotta al cancro presentato dalla Commissione europea, con effetti sulla politica di promozione delle bevande alcoliche, fino ai metodi di valutazione semplicistici e incompleti come il Nutriscore, sono davvero troppi gli elementi che in questo periodo possono arrecare pregiudizio al settore". L'Alleanza delle Cooperative, dalla cornice del Vinitaly Special Edition, si dice preoccupata per la direzione che l'Unione Europea sta intraprendendo nei confronti delle bevande alcoliche.

Il coordinatore di Alleanza Cooperative Agroalimentari Luca Rigotti, spiega che "fermo restando l'indiscutibile sostegno alle finalità del piano europeo e l'assoluta necessità di tutelare la salute dei cittadini europei, riteniamo che sia innanzitutto necessario promuovere una corretta educazione dei consumatori, che deve essere improntata ad un consumo moderato e consapevole di vino, così come occorre lavorare per raggiungere delle posizioni di equilibrio". Si tratta di un concetto da ribadire, spiega ancora, considerando la costituzione presso il Parlamento europeo di una dedicata Commissione e della recente presentazione di una relazione sul tema che, tra le altre indicazioni, promuove un'etichettatura di avvertimento per le bevande alcoliche, compresi i vini.

Il comparto del vino, ricorda l'associazione, è impegnato da tempo in un percorso di adeguamento regolamentare come accaduto, ad esempio, in materia di sostenibilità ambientale, così come per quanto riguarda la fornitura dell'elenco degli ingredienti e delle informazioni nutrizionali in etichetta, traguardi indicati nel piano europeo di lotta al cancro ma affrontati anche nell'ambito della Pac post-2020.

E anche in questo caso "la cooperazione vitivinicola - ha proseguito il coordinatore vino dell'Alleanza - pur sottolineando la differenza tra consumo eccessivo e quindi dannoso di bevande alcoliche e consumo moderato di vino da consumare ai pasti ed esprimendo contrarietà all'ipotesi di indicare health warnings in etichetta, non può che dirsi d'accordo sulla volontà di valorizzare la prevenzione e tutelare la salute dei consumatori. Resta tuttavia convinta che l'adozione di una dieta sana, equilibrata e millenaria come quella mediterranea, che è stata iscritta nel 2010 nella lista del Patrimonio culturale immateriale dell'Umanità e di cui il vino è parte integrante, resti una delle vie migliori per mantenere un buono stato di salute".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli